Lunedì 20 Gennaio 2020

Cronaca

Smantellato un vero e proprio “drugstore” a San Pelino (AQ), due arresti. Sequestrati oltre 15.000€ in contanti.

19/11/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Smantellato un vero e proprio “drugstore” a San Pelino (AQ), due arresti. Sequestrati oltre 15.000€ in contanti.

Le Fiamme Gialle di Avezzano, nel corso di attività istituzionali finalizzate alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti, hanno perquisito un’area nella frazione di San Pelino (AQ).

Il servizio, condotto nella giornata di ieri, ha consentito di smantellare una struttura utilizzata per lo spaccio di droga e si è concluso con l’arresto in flagranza di reato di due soggetti nonché con il sequestro di circa 150 gr di cocaina, 15 mila euro in contanti, un lampeggiante blu, 10 smartphone, un tirapugni, un coltello, un binocolo, due targhe d’auto, un bilancino di precisione e un micro cellulare. Alle operazioni hanno partecipato due unità cinofile antidroga, un’unità cinofila anti valuta del Gruppo della Guardia di Finanza di Pescara. Necessario anche l’intervento di una squadra dei Vigili del Fuoco di Avezzano che, con l’ausilio di motoseghe e taglia metalli, ha consentito di individuare lo stupefacente abilmente occultato tra le tubature esterne dell’abitazione. L’attività svolta ieri,  che rafforza e consolida gli sforzi già attuati dal Corpo nel contrasto alla detenzione ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, si inquadra nella continua attenzione rivolta al territorio aquilano e mira alla salvaguardia della vita umana in generale e dei più giovani in particolare

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La donna è stata vittima di una lunga serie di maltrattamenti, lesioni e persecuzioni vere e proprie da parte dell’uomo durante una convivenza sempre più burrascosa e violenta, tanto da decidere di separarsene nel 2018.

Cresce il malcontento tra i poliziotti penitenziari di stanza al carcere di massima sicurezza di Sulmona per la mancata apertura del reparto deputato al ricovero dei detenuti.

Scivolato in prossimità della Capanna Sevìce, sul monte omonimo del gruppo Sirente Velino, un escursionista residente a Roma di 53 anni è stato soccorso nel pomeriggio di oggi dall’elicottero del 118 di stanza a L’Aquila.

La famiglia rom, che era stata sgomberata a novembre per occupazione abusiva dell'alloggio popolare, stava tentando di riappropriarsi dell'abitazione.