Lunedì 21 Ottobre 2019

Cronaca

SEQUESTRI DI CENTINAIA DI “FASCETTE” CONTRAFFATTE IN OCCASIONE DEL CONCERTO DI LIGABUE A PESCARA

24/06/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
SEQUESTRI DI CENTINAIA DI “FASCETTE” CONTRAFFATTE  IN OCCASIONE DEL CONCERTO DI  LIGABUE  A PESCARA

Nell’ambito del contrasto ai traffici ed alle attività illecite disposto dal Comando Provinciale

della Guardia di Finanza di Pescara, i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, nello scorso fine settimana, in occasione del concerto del noto cantante Luciano Ligabue, tenutosi presso lo stadio Adriatico Luigi Cornacchia, hanno individuato ambulanti intenti a vendere, nei piazzali antistanti la struttura, fascette contraffatte, al prezzo di 5/8 euro ciascuna, recanti il marchio del cantante, in violazione alle norme che tutelano i diritti d’immagine ed i marchi registrati.

I controlli effettuati fino alla conclusione dell’evento hanno consentito di sottoporre a sequestro un centinaio di fascette (sciarpe, bandane ecc) e di denunciare all’Autorità Giudiziaria 4 soggetti (tre campani ed un abruzzese), tutti gravati da precedenti penali specifici, per il reato di “introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi”, che prevede fino a quattro anni di reclusione e multe fino a 35.000 euro.

 

 

Le attività poste in essere dalle Fiamme Gialle testimoniano, ancora una volta, l’attenzione del Comando Provinciale di Pescara nel contrasto agli illeciti in occasione di eventi che radunano migliaia di persone e si collocano nella cornice di quelle volte a garantire la tutela dell’economia, atteso che i fenomeni illegali in argomento, oltre a trarre in inganno i fan del cantante circa la genuinità dei prodotti, cagionano un danno all’artista pari al mancato incasso dei diritti connessi allo sfruttamento della sua immagine nonché alla società di merchandising autorizzata alla vendita in “esclusiva” dei prodotti originali.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Non ce l’ ha fatta la 33 enne Moldava accoltellata da uno spasimante albanese a Francavilla lo scorso 4 settembre

Nuovi controlli antidroga dei Carabinieri di Vasto nelle scuole superiori locali, estesi anche alla Villa Comunale di Vasto

In merito all’articolo della consigliera comunale Romina Di Costanzo e al sopralluogo di questa mattina dei carabinieri, polizia locale e tecnici comunali il vice sindaco Paolo Cilli precisa: “La consigliera Di Costanzo avrebbe fatto meglio a denunciare ai carabinieri e all’ufficio addetto ai servizi cimiteriali il ritrovamento e non ai giornali, creando allarmismi e clamori sul ritrovamento di un frammento osseo, avvenuto sul campo numero 2.

Gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Vasto Sud, hanno recuperato in A14 nei pressi del casello di Poggio Imperiale , direzione Sud, un autocarro rubato nella notte in provincia di Milano