Venerdì 19 Luglio 2024

Cronaca

Protezione Civile Abruzzo in prima fila per l'assistenza ai profughi Afghani

28/08/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Protezione Civile Abruzzo in prima fila per l'assistenza ai profughi Afghani

I volontari stanno allestendo ad Avezzano, nello Scalo Merci della Marsica della Regione Abruzzo un campo di tende capace di ospitare ulteriori 800 persone, arrivando quindi ad una capacita totale di circa 1300 posti.

La Protezione civile della Regione Abruzzo in prima linea per assistere i cittadini afghani evacuati da Kabul nelle ultime ore. 80 volontari appartenenti alle organizzazioni di volontariato regionale, coordinati da 15 funzionari della Regione, hanno collaborato con la Croce Rossa Italiana e con il Dipartimento nazionale di Protezione civile nell’allestimento, presso lo Scalo Merci della Marsica della Regione Abruzzo ad Avezzano, di un campo di tende capace di ospitare ulteriori 800 persone, arrivando quindi ad una capacita totale di circa 1300 posti.

È un lavoro importante quello che sta svolgendo la Protezione civile regionale che in pochissimo tempo ha allestito un hub vaccinale ad Avezzano e realizzato una tendopoli così da poter ospitare le centinaia di profughi afghani che il Dipartimento nazionale di Protezione civile e il generale Figliuolo hanno indirizzato in Abruzzo. Grazie alla disponibilità che il presidente Marco Marsilio ha garantito per l'utilizzo della struttura Marsicana di proprietà della Regione la Marsica diventa un riferimento nazionale.

“Abbiamo realizzato un punto di convergenza in Abruzzo al fine di supportare le esigenze che sono emerse a livello nazionale dopo l'arrivo dei profughi afghani. Queste persone rimarranno 48 ore in Abruzzo, verranno vaccinate e quindi redistribuite in tutte quelle regioni che in queste ore stanno reperendo gli alberghi necessari per far completare loro il ciclo di quarantena, che dura in totale 7 giorni." sottolinea il presidente Marsilio -  In Abruzzo metteremo a disposizione anche alcuni alberghi. Ringrazio i volontari e il personale della protezione civile, i rappresentanti della Croce Rossa Italiana che in queste ore stanno lavorando alacremente per garantire che tutto funzioni alla perfezione. Dichiara Marsilio che annuncia che oggi pomeriggio visiterà personalmente il centro vaccinale ad Avezzano. La capacità di risposta che abbiamo dato al generale Figliuolo dimostra la nostra attenzione e la nostra vicinanza ai profughi che in queste ore sono giunti in Italia e mette in evidenza la capacità operativa che le nostre strutture sono in grado di offrire”. 

"La solidarietà di cui l’Abruzzo è capace – dichiara il Direttore dell’Agenzia MauroCasinghini, presente sul posto insieme al Dirigente del Servizio Emergenze Silvio Liberatore. Ancora una volta il Sistema regionale di Protezione civile ha dimostrato rapidità ed efficacia di intervento, rispondendo in pochissimo tempo all’esigenza di garantire l’accoglienza per questi profughi afghani, estremamente provati per ciò che hanno vissuto negli ultimi giorni. Vedere il sorriso sereno dei bambini ospitati mentre giocano a calcio vale qualsiasi fatica”.

 

 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Anche nell’estate 2024 la Polizia di Stato accompagnerà il viaggio di quanti approfitteranno della bella stagione per visitare le principali località turistiche italiane.

Il tribunale di Pescara ha condannato a dieci anni e quattro mesi di reclusione Nico Fasciani, 25 anni, di Civitaquana (Pescara) al termine del processo con rito abbreviato per il duplice tentato omicidio nei confronti di uno zio, Giancarlo Fasciani (57), e della compagna di quest'ultimo, Paola De Palma (30) feriti gravemente, a colpi di pistola, il 17 maggio 2023.

Nuova udienza questa mattina in Corte d'Assise a Chieti, l'ultima prima della pausa estiva, per il processo per l'agguato sulla Strada Parco a Pescara del primo agosto del 2022 in cui venne ucciso l'architetto Walter Albi e rimase gravemente ferito l'ex calciatore Luca Cavallito.

Una lettera per documentare, anche con grafici e dati precisi, la condizione attuale in merito alla disponibilità della risorsa. E’ una vera e propria emergenza idrica per 49 comuni della provincia di Chieti alle prese con una programmazione di interruzioni della fornitura che non si verificava da anni.