Marted 28 Maggio 2024

Cronaca

Pescina, reati predatori, trovati con gioielli e orologi di dubbia provenienza un arresto e una denuncia

05/04/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescina, reati predatori, trovati con gioielli e orologi di dubbia provenienza un arresto e una denuncia

I Militari dell'Arma confidano nel riconoscimento dei gioielli da parte dei legittimi proprietari

Bloccati in strada dai carabinieri della stazione di Pescina, che li trovano in possesso di un cospicuo bottino di gioielli di dubbia provenienza, i militari arrestano una donna e denunciano il compagno di viaggio.

È finita, così, la “corsa” dell’autovettura sospetta ricercata dai militari dell’Arma che hanno intensificato i controlli per contrastare i cosiddetti “reati predatori”. L’energica azione di pattugliamento ha coinvolto tutti i presidi dei carabinieri presenti nella  provincia dell'Aquila  Negli ultimi cinque giorni le attenzioni si sono concentrare su una utilitaria segnalata muoversi furtivamente lungo i paesi della conca del Fucino. L’equipaggio della stazione di Pescina è riuscito a intercettare e bloccare il veicolo segnalato. Conseguenti i controlli degli occupanti, una donna 29enne e un uomo 22enne, provenienti da un paese dell’est Europa ma domiciliati da tempo in Italia.

I militari hanno subito rilevato che sul conto della donna pendeva un’ordinanza di custodia cautelare per furto aggravato in concorso, emesso dal GIP di un tribunale piemontese, per questo hanno proceduto all'arresto. Nel corso della perquisizione di entrambi e dell'auto su cui viaggiavano sono stati rinvenuti svariati gioielli in oro, bigiotteria, orologi, la somma contante di circa 6mila euro e diverse paia di scarpe.

Per il materiale rinvenuto, non essendone giustificato il possesso, è scattato il sequestro ipotizzando, allo stato dei fatti, il reato di ricettazione in concorso a carico dei due. Dai preliminari accertamenti, inoltre, nei confronti della donna è stato anche possibile ipotizzare il suo coinvolgimento nel reato di furto aggravato ai danni di un’anziana di un paese vicino che, alcuni giorni prima, avvicinata con uno stratagemma lungo la strada di rientro verso casa, è stata privata del portafoglio con all’interno denaro contante.

Le fasi evolutive della vicenda sono state portate a conoscenza della procura della Repubblica di Avezzano che, ricevuti gli atti, ha convalidato il sequestro del materiale rinvenuto e iscritto i due fermati nel registro degli indagati per ricettazione in concorso e furto aggravato nei confronti della 29enne.

Mentre l’uomo è stato rilasciato, la donna è stata trattenuta e trasferita in carcere a disposizione del GIP del Tribunale piemontese che ha disposto la misura cautelare per il furto aggravato commesso nel proprio circondario. Nel frattempo, concordemente con la magistratura avezzanese, sono stati avviati gli accertamenti sugli oggetti in sequestro prevedendo la possibilità di individuare i legittimi proprietari anche attraverso la pubblicazione di foto degli oggetti stessi. Il comando carabinieri di Pescina resta a disposizione dei cittadini per eventuali riconoscimenti.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Un 47enne di Ateleta (L'Aquila), coinvolto nell'incidente del pulmino Anffas di Castel di Sangro avvenuto il 28 marzo scorso sulla statale 83 Marsicana, è deceduto nell'ospedale San Salvatore dell'Aquila. L'uomo era stato ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione

Alle ore 06.50 circa di questa mattina, una squadra dei Vigili del Fuoco di Pescara è intervenuta in viale Primo Vere a Pescara a seguito di un incidente stradale.

Un uomo di 56 anni, originario di Atessa e residente ad Agnone, è rimasto gravemente ferito stamane in un incidente stradale avvenuto intorno alle 10.40 nel centro abitato di Villa S Maria, in via Sopra gli Orti