Marted 19 Novembre 2019

Cronaca

Operazione “Freedom Abuse”: tre arresti per detenzione e spaccio di stupefacenti

30/01/2012 - Redazione AbruzzoinVideo

30 gennaio 2012. I Carabinieri della Compagnia di Montesilvano, coordinati dal Comandante Enzo Marinelli, dalle prime luci dell'alba, hanno dato esecuzione a tre misure cautelari personali agli arresti domiciliari, nei confronti di altrettanti giovani dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti.

I provvedimenti sono stati emessi dal Gip, la Dott.ssa Maria Michela Di Fine che ha accolto le richieste formulate dal Pm Dott. Salvatore Campochiaro, in relazione all’informativa inviata a quest’ultimo dal N.O.R.M. (Nucleo Operativo Radio Mobile) della Compagnia di Montesilvano. I reati contestati agli indagati sono inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti di tipo cocaina e marijuana, nonché in un caso di estorsione per il recupero di un credito derivante da una pregressa cessione di droga.

Le indagini svolte dai Carabinieri nell’anno duemilaundici – scrivono i Carabinieri in un comunicato - hanno permesso di raccogliere elementi probatori in ordine alle attività di spaccio contestate agli arrestati che gestivano un fiorente mercato illecito di vendita di cocaina e marijuana ai giovani di Montesilvano. Nel corso delle indagini sono state arrestate in flagranza di reato due persone, rispettivamente per detenzione ai fini di spaccio di gr.500 di cocaina e gr.100 di marijuana e denunciato a piede libero ventisei persone per piccoli episodi di spaccio. Oggi sono finiti agli arresti domiciliari due giovani di Montesilvano: Francesco DI BATTISTA 22enne e ANDREA ROSSI 23enne, nonché un cittadino nigeriano MGBATAOGU TONY ventottenne, domiciliato a Città Sant’Angelo.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

montesilvano fredom abuse

Potrebbero interessarti

Le esequie si sono svolte nel pomeriggio di sabato all'Aquila nella chiesa di Santa Maria del Suffragio, conosciuta come Anime Sante, per l'occasione stracolma di gente, non solo persone mature, ma anche tanti giovani. In prima fila c'erano la moglie Antonietta, compagna per una vita, il figlio Fabrizio, gli adorati nipoti e poi il mondo del giornalismo e delle istituzioni.

La notte del 1 settembre scorso, le Volanti della Questura di Pescara intervenivano presso l’attività commerciale denominata Grun, in questa via Cesare Battisti, in quanto era stata segnalata una violenta lite.

È allarme a Lanciano tra i proprietari di cani dopo la scoperta in viale Cappuccini, nei pressi di una pizzeria, di diverse polpette di carne cruda con all’interno una sostanza azzurra che si ipotizza possa essere Metaldeide, il veleno usato contro le lumache, una sostanza letale che può uccidere cani e gatti all’istante.

Un colpo è stato messo a segno la notte scorsa intorno alle tre alla Bper di Paglieta.