Giovedì 05 Agosto 2021

Cronaca

La Guardia di Finanza di Pescara sequestra oltre 4800 articoli di merce contraffatta in due operazioni

21/06/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
La Guardia di Finanza di Pescara sequestra oltre 4800 articoli di merce contraffatta in due operazioni

Denunciati tre cittadini extracomunitari

Un nuovo duro colpo viene inferto dalle Fiamme Gialle di Pescara al mondo della contraffazione dei marchi registrati e, più in generale, al commercio illegale che, specie nei mesi estivi, aumenta nella zona litoranea. Nello scorso fine settimana, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pescara ha disposto l’intensificazione dei controlli che ha dato subito i suoi frutti, infatti, in distinte operazioni, ha portato al sequestro di migliaia di capi di abbigliamento contraffatti e i relativi accessori, con la denuncia all’A.G. di 3 cittadini extracomunitari.

In particolare, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara hanno eseguito due sequestri in Pescara. Il primo presso un esercizio commerciale gestito da un cittadino straniero, dedito alla vendita all’ingrosso e dettaglio di abbigliamento per bambini, che veniva trovato in possesso di circa 300 articoli (T-shirt, vestitini, canotte e pantaloncini per bambini) riportanti i loghi contraffatti di personaggi televisivi e/o legati al mondo del gaming, molto in voga tra gli adolescenti, quali “ME CONTRO TE”, “FORTNITE”, “DISNEY”, “MINECRAFT”, “DINSIEME”.

In una seconda operazione, i militari hanno intercettato un cittadino senegalese che aveva appena ritirato da un corriere un pacco sospetto, proveniente dalla Turchia, all’interno del quale sono stati rinvenuti un centinaio di capi di abbigliamento contraffatti. L’attività, estesa all’abitazione dell’extracomunitario, ha permesso alle Fiamme gialle di rinvenire e sottoporre a sequestro complessivamente circa 4.500 articoli recanti marchi contraffatti dei più noti brand nazionali ed internazionali quali “BURBERRY”, “LOUIS VUITTON”, “DSQUARED2”, “CRISTIAN DIOR”, “AERONAUTICA MILITARE”, “STONE ISLAND”, “NAPAPIJRI”, “RALPH LAUREN”, perfettamente confezionati ed etichettati, nonché di pregevole fattura. Una quantità di prodotti chiaramente destinati alla distribuzione sul territorio, per la minuta vendita da parte dei singoli venditori abusivi extracomunitari. Ed infatti, nell’ambito del piano operativo disposto, un ulteriore intervento è stato condotto dai militari del gruppo di Pescara, che hanno sequestrato decine di capi di marchi prestigiosi contraffatti, ad altro cittadino dedito alla vendita abusiva.

Le attività si sono concluse con il sequestro di tutto il materiale contraffatto e con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di tre soggetti (un cinese ed un senegalese), entrambi per i reati di contraffazione e ricettazione, in quanto gli stessi non sono stati in grado di esibire alcun documento fiscale comprovante l’acquisto della merce ovvero la provenienza lecita della stessa. In tutti i casi, data l’assenza di documentazione commerciale e fiscale sono state avviate opportuni accertamenti finalizzati alla ricostruzione della cd. “filiera illecita”, mediante l’identificazione dei produttori, dei “grossisti” e dei distributori, che permettono ai venditori finali l’approvvigionamento del materiale illecito.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Dosi di cocaina ed hashish rinvenute nello sportellino del tappo della benzina.

L'attività investigativa coordinata dalla procura, che ha visto la collaborazione dei militari del Gruppo Pescara, e delle Compagnie di Lanciano, Vasto e Teramo, ha portato alla denuncia di 8 persone con l'accusa di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope.

I primi cittadini di Fossacesia, Rocca san Giovanni, Santa Maria Imbaro, Mozzagrogna e Torino di Sangro annunciano danni ingenti e chiedono alla Regione lo stato di emergenza.

Crescono i ricoveri in area medica, +4 rispetto a ieri, e si registra un ricovero ) in terapia intensiva