Lunedì 04 Marzo 2024

Cronaca

La Guardia di Finanza di Pescara sequestra discarica di rifiuti nocivi grande quanto un campo di calcio

30/11/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
La Guardia di Finanza di Pescara sequestra discarica di rifiuti nocivi grande quanto un campo di calcio

Denunciato il titolare del terreno che si trova nell'entroterra provinciale

Un’area vasta quanto un campo di calcio a 11 piena di rifiuti di ogni tipo: materiale plastico, metallico, edile, ferro arrugginito, pneumatici, vetro, carcasse di automobili e di elettrodomestici.

 Questo lo scenario scoperto nell’entroterra provinciale dalle Fiamme Gialle pescaresi, che hanno sequestrato la discarica abusiva, già in passato nel mirino dei finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale, ma mai ripristinata.

Il titolare della ditta individuale operante sul terreno sequestrato è stato conseguentemente denunciato all’Autorità Giudiziaria locale per il reato di abbandono e deposito incontrollato di rifiuti. Sono tuttora in corso accertamenti per verificare i possibili danni all’ambiente conseguenti alla prolungata infiltrazione di sostanze tossiche nel terreno e nelle falde acquifere.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La squadra Mobile della Questura di Teramo ha eseguito otto misure cautelari in carcere e perquisizioni in diverse località, comprese le case circondariali di Teramo, Viterbo, Pescara e Roma Rebibbia. I reati contestati sono spaccio di sostanze stupefacenti e accesso indebito a dispositivi di comunicazione da parte di detenuti.

"Ditemi cosa devo fare". Sono le parole pronunciate ai poliziotti, subito prima di aprire la porta e lasciarli entrare in casa, dal 23enne di Pescara che per 44 ore è rimasto sul parapetto del suo balcone, al quinto piano di un palazzo del centro della città, minacciando il suicidio.

La Sasi comunica che a seguito di segnalazione di controlli interni riconducibili a situazioni di disagio per gli utenti nelle ore di maggior consumo della risorsa idrica, si necessita, oltre alle interruzioni settimanali già programmate e comunicate, di un intervento di interruzione della fornitura non differibile

Con l’avviso di conclusione delle indagini preliminari i finanzieri della Compagnia di Avezzano hanno portato a termine un articolato controllo antiriciclaggio e di polizia economico-finanziaria nei confronti di un’attività “compro oro” presente nel territorio marsicano.