Sabato 16 Ottobre 2021

Cronaca

La Guardia di Finanza di Pescara sequestra 1000 capi contraffatti

28/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
La Guardia di Finanza di Pescara sequestra 1000 capi contraffatti

I Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, nel corso delle quotidiane attività finalizzate a contrastare la vendita di merce recante marchi contraffatti, hanno individuato nel comune di Scafa (PE) un venditore ambulante, di nazionalità italiana, intento alla vendita di capi di abbigliamento contraffatti.

In particolare, i Finanzieri hanno rinvenuto completi sportivi di varie squadre di calcio (Italia, Brasile, Francia, Germania, Juventus, Inter e Barcellona), magliette di note griffes di abbigliamento sportivo. L’attività criminosa è stata immediatamente interrotta con il sequestro di circa 1000 articoli contraffatti e con la denuncia alla locale Procura della Repubblica di un responsabile per i reati di commercio di prodotti con segni falsi e ricettazione, che prevedono, nel complesso, la reclusione fino a otto anni e multe fino a ventimila euro. La merce, immessa sul mercato, avrebbe reso oltre 20.000 euro. L’operazione di servizio portata a termine testimonia da una parte che il “mercato del falso” attira ancora molto i compratori e dall’altra che è sempre elevatissima l’attenzione del Comando Provinciale di Pescara verso i fenomeni che minano l’economia legale, a testimonianza del costante impegno profuso dal Corpo a garanzia del tessuto imprenditoriale sano del Paese.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si tratterebbe di omicidio suicidio. La coppia romena lascia un figlio che al momento della tragedia era a scuola

Emergenza interazioni tra delfini e attività umane nell’Adriatico. L'Area Marina Protetta Torre del Cerrano è partner del progetto europeo Life Delfi che mira a diffondere dissuasori acustici e modalità di pesca alternativa per ridurre le interazioni tra delfini e pesca professionale.

La vittima una 23enne di Pescara che sarebbe stata costretta dall'uomo ad un rapporto sessuale. Il camerunense è risultato già indagato per lo stesso reato commesso nel 2018 sempre a Pescara.