Giovedì 05 Agosto 2021

Cronaca

La Guardia di Finanza di Pescara con il pastore tedesco Dafny scopre mezzo chilo di droga nell'auto di un corriere albanese

20/07/2021 - Redazione AbruzzoinVideo

La cocaina viaggiava su una Ford alla cui guida c'era un cittadino albanese di 46 anni

Le pattuglie di baschi verdi della Guardia di Finanza di Pescara, nel corso di una consueta attività di controllo hanno fermato a Città Sant’Angelo, presso un conosciuto distributore di carburanti, una Ford Focus condotta da un cittadino albanese di 46 anni. L’evidente stato di agitazione palesato dal cittadino del Paese delle Aquile ha spinto i baschi verdi ad approfondire il controllo con l’ausilio di un’unità cinofila, che intervenuta sul posto, ha segnalato con insistenza la presenza di sostanza stupefacente sotto il vano cruscotto anteriore dal lato del passeggero.

All’interno del cruscotto, prontamente smontato dalla pattuglia dei finanzieri, è stato rinvenuto un involucro di cellophane sottovuoto, ricoperto di un palloncino in gomma, contenente circa mezzo chilo di cocaina. Un confezionamento ad arte, appositamente realizzato al fine di sfuggire al fiuto dei cani antidroga, che però non è servito ad ingannare il super addestrato e splendido pastore tedesco Dafny, non nuovo protagonista di analoghi interventi.

L’insospettabile corriere albanese, privo di precedenti specifici per traffico di sostanze stupefacenti, è stato sottoposto a perquisizione personale ed è stato portato in caserma per gli ulteriori approfondimenti del caso. Le Fiamme Gialle di Pescara hanno proceduto al sequestro del veicolo utilizzato per il trasporto, oltre che del mezzo chilo circa di cocaina. Avvisato il P.M. di turno competente e stante la gravità del reato, il corriere è stato tratto in arresto per il reato di traffico e spaccio di stupefacenti previsto e punito dall’art. 73 del D.P.R. 309/90, ed infine tradotto in carcere.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Dosi di cocaina ed hashish rinvenute nello sportellino del tappo della benzina.

L'attività investigativa coordinata dalla procura, che ha visto la collaborazione dei militari del Gruppo Pescara, e delle Compagnie di Lanciano, Vasto e Teramo, ha portato alla denuncia di 8 persone con l'accusa di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope.

I primi cittadini di Fossacesia, Rocca san Giovanni, Santa Maria Imbaro, Mozzagrogna e Torino di Sangro annunciano danni ingenti e chiedono alla Regione lo stato di emergenza.

Crescono i ricoveri in area medica, +4 rispetto a ieri, e si registra un ricovero ) in terapia intensiva