Domenica 03 Marzo 2024

Cronaca

La Guardia di Finanza di Chieti denuncia a Casalbordino e Vasto tre persone per usura ed estorsione ed una per appropriazione indebita

08/11/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
La Guardia di Finanza di Chieti denuncia  a Casalbordino e Vasto tre persone per usura ed estorsione ed una per appropriazione indebita

I tre indagati,avrebbero riscosso un importo complessivo di oltre 360.000 euro, con interessi usurari che oscillavano tra l’800% e il 1400%, a fronte di un prestito di 35.000 euro elargito ad un subagente di una compagnia assicurativa.

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Chieti, dopo una meticolosa attività di indagine, hanno segnalato tre persone per le ipotesi di reato di usura ed estorsione ed una per appropriazione indebita e truffa.

In particolare, il lavoro investigativo di polizia giudiziaria, scaturito da una denuncia presentata da una persona vittima di usura e svolto dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Chieti - su delega della Procura della Repubblica di Vasto - ha consentito di raccogliere circostanziali elementi di prova che hanno portato ad ipotizzare come, negli ultimi due anni, i tre indagati,avessero riscosso un importo complessivo di oltre 360.000 euro (con interessi usurari che oscillavano tra l’800% e il 1400%) a fronte di un prestito di 35.000 euro elargito ad un subagente di una compagnia assicurativa.

Le indagini e i riscontri condotti dalle Fiamme Gialle, basati sull’escussione di persone informate sui fatti, accertamenti bancari, analisi di registrazioni telefoniche e messaggistica varia esibita dalla parte lesa, hanno condotto il magistrato inquirente a richiedere il rinvio a giudizio dei tre indagati, uno residente a Casalbordino e due a Vasto. Inoltre è emerso che la vittima, per far fronte al pagamento degli interessi usurari alle scadenze pattuite, per non subire il sistematico ricorso a minacce di violenza e morte nonché intimidazioni di rapimento dei suoi affetti più cari, si è appropriato indebitamente - approfittando della sua qualità di sub-agente di un’agenzia assicurativa intestata al fratello, si è appropriato indebitamente di circa 148.000 euro - rendendosi, di conseguenza, responsabile dei reati di appropriazione indebita e truffa, segnalati, a suo carico, alla predetta Autorità Giudiziaria.

Il Comandante Provinciale, Col. Michele Iadarola, nel rimarcare l’efficace lotta da parte della Guardia di Finanza ai fenomeni usurari ed estorsivi, conferma quanto sia indispensabile la denuncia tempestiva nei confronti dei soggetti autori di questi comportamenti criminali, evitando - in tal modo - che le vittime subiscano ulteriori conseguenze dovute allo stato di disperazione e timore derivante dalle intimidazioni ricevute.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La squadra Mobile della Questura di Teramo ha eseguito otto misure cautelari in carcere e perquisizioni in diverse località, comprese le case circondariali di Teramo, Viterbo, Pescara e Roma Rebibbia. I reati contestati sono spaccio di sostanze stupefacenti e accesso indebito a dispositivi di comunicazione da parte di detenuti.

"Ditemi cosa devo fare". Sono le parole pronunciate ai poliziotti, subito prima di aprire la porta e lasciarli entrare in casa, dal 23enne di Pescara che per 44 ore è rimasto sul parapetto del suo balcone, al quinto piano di un palazzo del centro della città, minacciando il suicidio.

La Sasi comunica che a seguito di segnalazione di controlli interni riconducibili a situazioni di disagio per gli utenti nelle ore di maggior consumo della risorsa idrica, si necessita, oltre alle interruzioni settimanali già programmate e comunicate, di un intervento di interruzione della fornitura non differibile

Con l’avviso di conclusione delle indagini preliminari i finanzieri della Compagnia di Avezzano hanno portato a termine un articolato controllo antiriciclaggio e di polizia economico-finanziaria nei confronti di un’attività “compro oro” presente nel territorio marsicano.