Lunedì 15 Luglio 2024

Cronaca

Jova Beach Party a Montesilvano, divieto di balneazione

07/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Jova Beach Party a Montesilvano, divieto di balneazione

Il sindaco Ottavio De Martinis ha firmato due ordinanze nella prima ha disposto il divieto di balneazione nell’area marittima interessata dal Jova Beach Party, tra le concessioni Sabbia d’Oro e Bagni Bruno, dalle ore 8,00 fino a cessate esigenze.

L’interdizione dell’area indicata è seguita per mezzo di strutture adeguate e personale di sicurezza e di salvamento peraltro gia indicati nel piano sicurezza dell’organizzaore dell’evento. Nella seconda ordinanza, in seguito alla comunicazione delle analisi condotte dall’Arta, il sindaco ha disposto il divieto di balneazione su tutto il litorale comunale da oggi alle ore 8,00 fino a cessate. “La mia firma sul provvedimento di divieto di balneazione - spiega il sindaco De Martinis - per il tratto di spiaggia che va da Bagni Bruno a Sabbia d’Oro è stato disposto per motivi di sicurezza. L’ordinanza numero 58 è un atto dovuto in seguito alle analisi dell’Arta, che hanno registrato valori non nella norma. I risultati dei campioni prelevati in quattro punti del nostro mare non consentono la possibilità di derogare rispetto all’adozione di un simile provvedimento. A ridosso delle piogge copiose dei giorni scorsi i valori alterati sono da considerarsi un fenomeno abbastanza comune. Dopo una stagione in cui i livelli di balneazione si sono mostrati ottimi siamo certi in seguito alle controanalisi dell’Arta, che riceveremo lunedì essendoci il weekend di mezzo, di poter emettere un provvedimento per liberare pienamente la fruibilità delle nostre acque”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Bussi, scomparsa sindaco La Gatta, il cordoglio dei parlamentari abruzzesi FdL

Gli agenti della squadra volante lo hanno fermato per un controllo di routine ha scoperto che l’uomo aveva numerose denunce a carico.

La conoscenza con la vittima era nata sui social. L’uomo è ai domiciliari.

Le indagini, dirette dalla Procura della Repubblica di Pescara e condotte dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Penne, hanno permesso di raccogliere gravi elementi indiziari sul coinvolgimento dei due giovani in truffe perpetrate ai danni di anziani residenti nella provincia di Pescara, in particolare in episodi avvenuti nel comune di Penne lo scorso settembre