Sabato 04 Dicembre 2021

Cronaca

I Carabinieri forestali di Vasto recuperano un esemplare di Fratino

24/11/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
I Carabinieri forestali di Vasto recuperano un esemplare di Fratino

Il piccolo uccello, appartenente ad una specie a rischio di estinzione, era in evidente difficoltà per la presenza di un amo da pesca conficcato in gola

Militari della Stazione Carabinieri Forestale di Vasto, con un sistema di prelevamento “a staffetta” organizzato con la contigua Stazione Carabinieri Forestale di Termoli (CB), hanno tempestivamente conferito al Centro Recupero Rapaci e Selvatici, gestito dal Reparto Carabinieri Biodiversità di Pescara, un esemplare di Fratino, rinvenuto a Termoli presso la foce del fiume Biferno in evidente difficoltà per la presenza di un amo da pesca conficcato in gola.

Questo piccolo trampoliere migratore, presente in alcuni tratti della costa abruzzese, appartiene ad una specie rara che gode di un regime di protezione estremamente elevato a livello nazionale oltre che sovranazionale; la sua tutela rientra anche in un Progetto di monitoraggio specifico, portato avanti da diverse Associazioni ambientaliste ed incentrato, in particolare, sulla gestione del delicato periodo riproduttivo. Si ricorda come la minaccia più grave per la conservazione di questa specie sia rappresentata dall’alterazione dell’ambiente dunale dove la stessa nidifica, dovuta anche alla pulizia meccanica dei litorali ed alla presenza di predatori (ratti, corvi, volpi, cani vaganti). Il piccolo uccello, una volta pienamente riabilitato, sarà reimmesso nel suo habitat naturale.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

114 pazienti (+4 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 9 (+1 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 4593 (+217 rispetto a ieri)

In Abruzzo controllati 50 operatori sanitari, 35 non erano vaccinati e non erano stati ancora sospesi dalla Asl

110 pazienti (+1 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 8 (+2 rispetto a ieri) in terapia intensiva.

Nel corso delle indagini svolte dalla Sezione Fasce Deboli della Polizia di Stato, è stato possibile raccogliere le denunce di altri episodi analoghi, commessi dal diciassettenne nei confronti di altre minorenni, avvenuti sempre nel comune capoluogo.