Lunedì 17 Febbraio 2020

Cronaca

I Carabinieri del Nas di Pescara scoprono due casi di frode nell'esercizio del commercio

29/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
I Carabinieri del Nas di Pescara scoprono due casi di frode nell'esercizio del commercio

Nel mirino dei Nas un bar-tavola calda di Montesilvano ed in un’impresa dolciaria del teramano

Nel bar - tavola calda i carabinieri del Nucleo antisofisticazione di Pescara hanno documentato importanti carenze igienico - sanitarie e strutturali, inadeguatezze nella comunicazione delle informazioni obbligatorie al consumatore in tema di allergeni e nelle procedure di rintracciabilità degli alimenti: circa 30 kg di preparazioni varie, detenute nella dispensa e pronte per essere somministrate, sono state sequestrate poichè prive di informazioni utili a poterne ricostruire la rintracciabilità. Dalla lettura dei menù a disposizione della clientela, inoltre, i Carabinieri hanno rilevato l’assenza di informazioni che indicassero, al consumatore finale, il reale stato di conservazione e di origine di diverse preparazioni alimentari. Il consumatore, in quel modo, avrebbe ordinato alimenti che gli venivano presentati come “freschi”, sebbene fossero originariamente “congelati” o “surgelati”.Il titolare del Bar è stato denunciato a pide libero. Nella dolciaria del teramano, invece, venivano venduti confetti ma, all’occhio dei NAS non sfuggiva l’assenza, tra le attrezzature presenti nell’opificio, della bassina. Questa è uno strumento impiegato per la confettatura, ossia il rivestimento del nucleo del confetto con le soluzioni zuccherine. Le indagini e gli accertamenti hanno permesso di stabilire che i confetti venduti e presentati come di produzione propria, in realtà venivano acquistati da un’altra azienda molisana. Nel corso dell’ispezione i militari hanno proceduto al sequestro di oltre 30 chilogrammi di confetti, etichettati con le informazioni di provenienza ingannevoli che, altrimenti, sarebbero giunti all’ignaro consumatore finale.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Giovanni Legnini: “Onorato per la nomina, mi metterò a disposizione delle comunità"

La Squadra Mobile della Questura di Pescara ha denunciato A.F., 25 anni, un incensurato originario di Napoli, per il reato di frode informatica.

Il giovane era ossessionato dall'amore malato per la donna, la tempestava di messaggi le inviava fiori e nonostante l'intervento del marito e dei carabinieri nulla è servito a fermarlo.

La droga era nascosta nei barattoli dei ripiani della cucina.