Lunedì 04 Marzo 2024

Cronaca

Hashish e marijuana in auto e in casa, arrestati dalla Guardia di Finanza di Ortona

06/12/2023 - Redazione AbruzzoinVideo

Il Comando Provinciale di Chieti ha intensificato i controlli su strada e proprio nel corso degli stessi sono stati sequestrati circa 400 grammi di sostanze stupefacenti e tratto in arresto due giovani ortonesi, poco meno che trentenni, per detenzione ai fini di spaccio.

In particolare, i militari della Tenenza di Ortona - diretti dal Sottotenente Giancarlo Passeri -
con il prezioso ausilio di un’unità cinofila antidroga del Gruppo di Pescara, hanno fermato e controllato un'autovettura, scoprendo al suo interno circa 300 grammi di hashish e marijuana pronti per soddisfare le richieste del “mercato” ortonese.

Le successive perquisizioni, effettuate presso le rispettive residenze, hanno consentito il
rinvenimento di ulteriori sostanze stupefacenti, per complessivi grammi 53 di tipo hashish e
grammi 35 di tipo marijuana, nonché due bilancini di precisione e due lame utilizzate per il
frazionamento dell’hashish.

Il quantitativo di droga rinvenuto e la presenza di strumenti idonei a “lavorarlo”, ha consentito
di configurare il reato di detenzione ai fini di spaccio, per il quale i soggetti sono stati arrestati
e su disposizione del P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Chieti - Dott.ssa
Marika Ponziani - posti agli arresti domiciliari.

A seguito di giudizio direttissimo, il giudice monocratico, in attesa del processo, ha disposto
la misura cautelare dell’obbligo di presentazione giornaliera presso gli Uffici della Tenenza
di Ortona dei due responsabili.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Ortona Guardia di Finanza

Potrebbero interessarti

La squadra Mobile della Questura di Teramo ha eseguito otto misure cautelari in carcere e perquisizioni in diverse località, comprese le case circondariali di Teramo, Viterbo, Pescara e Roma Rebibbia. I reati contestati sono spaccio di sostanze stupefacenti e accesso indebito a dispositivi di comunicazione da parte di detenuti.

"Ditemi cosa devo fare". Sono le parole pronunciate ai poliziotti, subito prima di aprire la porta e lasciarli entrare in casa, dal 23enne di Pescara che per 44 ore è rimasto sul parapetto del suo balcone, al quinto piano di un palazzo del centro della città, minacciando il suicidio.

La Sasi comunica che a seguito di segnalazione di controlli interni riconducibili a situazioni di disagio per gli utenti nelle ore di maggior consumo della risorsa idrica, si necessita, oltre alle interruzioni settimanali già programmate e comunicate, di un intervento di interruzione della fornitura non differibile

Con l’avviso di conclusione delle indagini preliminari i finanzieri della Compagnia di Avezzano hanno portato a termine un articolato controllo antiriciclaggio e di polizia economico-finanziaria nei confronti di un’attività “compro oro” presente nel territorio marsicano.