Domenica 16 Febbraio 2020

Cronaca

GUARDIA DI FINANZA: Scoperta maxi piantagione di sostanze stupefacenti del tipo cannabis indica in Val di Sangro

01/09/2018 - Redazione AbruzzoinVideo

Ieri, 31 agosto, i militari della Sezione Aerea, dipendenti del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Pescara nell’ambito del controllo economico del territorio mirato alla prevenzione e repressione dei traffici illeciti, hanno individuato in contrada Castel di Sette, nel Comune di Mozzagrogna (CH), un appezzamento, di circa un ettaro, di cui circa mille metri quadrati adibiti alla coltura di canapa indiana. Gli occhi allenati degli elicotteristi hanno permesso, unitamente all’immediato intervento della pattuglia 117 e successivamente di un cospicuo numero di militari in forza al Comando Provinciale di Chieti, di rinvenire, tra la fittissima vegetazione, nr. 180 piante di cannabis indica, aventi un’altezza media di circa 2 metri, opportunamente legate a pali di sostegno e occultate da teli ombreggianti con un organizzato impianto di irrigazione e di coltura stagionale. Allo stato sono ancora in corso accertamenti finalizzati all’individuazione dei responsabili delle violazioni dell’articolo 17 (assenza autorizzazione) e 73 (produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope) del D.P.R. 309/90. Elementi acquisiti in loco fanno ritenere plausibile la presenza di una organizzazione criminale ben strutturata dedita allo spaccio di stupefacenti. Approssimativamente la perdita economica per la vendita al dettaglio della suddetta sostanza si aggira intorno al milione di euro. L’attività svolta testimonia ancora una volta l’impegno profuso dal Corpo della Guardia di Finanza, che nonostante la conclusione della stagione estiva continua a vigilare costantemente il territorio abruzzese rafforzando ulteriormente il proprio dispositivo di stretto coordinamento tra la componente terrestre ed aerea, a contrasto dell’illecito mercato delle sostanze stupefacenti.
CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Giovanni Legnini: “Onorato per la nomina, mi metterò a disposizione delle comunità"

La Squadra Mobile della Questura di Pescara ha denunciato A.F., 25 anni, un incensurato originario di Napoli, per il reato di frode informatica.

Il giovane era ossessionato dall'amore malato per la donna, la tempestava di messaggi le inviava fiori e nonostante l'intervento del marito e dei carabinieri nulla è servito a fermarlo.

La droga era nascosta nei barattoli dei ripiani della cucina.