Venerdì 22 Novembre 2019

Cronaca

GDF PESCARA: ESEGUITE QUATTRO MISURE DI CUSTODIA CAUTELARE PER SPACCIO DI STUPEFACENTI E PORTO ABUSIVO DI ARMI

23/02/2016 - Redazione AbruzzoinVideo

Oltre ad aver organizzato tra Pescara e Chieti una diffusa rete di spaccio di cocaina e hashish erano pronti a rapinare esercizi commerciali della zona.

In esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari di Pescara, dr. Gianluca Sarandrea, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica, dr. Gennaro Varone, i finanzieri del Comando Provinciale di Pescara nella mattinata odierna hanno arrestato e posto ai domiciliari tre pregiudicati. Ad un quarto è stato notificato l’obbligo di dimora, con il divieto di uscire di casa nelle ore notturne. Tutti sono indagati per spaccio di stupefacenti, ricettazione, porto e detenzione abusiva di armi. Le indagini, condotte dagli uomini del Nucleo di Polizia Tributaria di Pescara, erano state avviate a margine della più complessa operazione “ARIOSTO 2013” a contrasto del traffico di stupefacenti, che nel giugno scorso aveva disarticolato una organizzazione criminale senegalese con l’arresto di 29 persone.

Gli elementi investigativi raccolti, che mostravano come tra Pescara e Chieti operasse un gruppo criminale molto attivo sulla piazza dello spaccio di cocaina ed hashish, nel mese di aprile dello scorso anno, in Pescara presso l’autostazione, avevano portato all’arresto di un cittadino albanese trovato in possesso di quattro chilogrammi di hashish. Nello stesso mese, in San Giovanni Teatino (CH), le Fiamme Gialle pescaresi avevano intercettato tre pregiudicati a bordo di un’auto rubata mentre stavano indossando passamontagna e guanti.

 

 

Nel bagagliaio avevano coltelli, una scacciacani ed attrezzi da scasso. A casa di uno dei fermati era stato trovato un fucile da caccia completo di circa 300 munizioni ed un arsenale di coltelli ed armi bianche, tutto detenuto illegalmente, nonché merce rubata. Le successive indagini hanno consentito di ricostruire numerosi episodi di spaccio, sistematici contatti con la criminalità albanese finalizzati all’approvvigionamento di consistenti quantitativi di stupefacenti, nonché gli intenti del gruppo criminale che verosimilmente voleva incrementare l’acquisto di droga finanziandosi con i proventi di furti e rapine.

 

 

 

Dalle prime luci dell’alba è scattata l’operazione odierna in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare, con varie perquisizioni domiciliari, anche con l’ausilio di due unità cinofile, in provincia di Pescara e in Roma. Agli arresti domiciliari sono finiti C.G. – anni 50 – di Montesilvano (PE), D. A. – anni 32 – di Montesilvano (PE) e M.G. – anni 37 – di origini albanesi, domiciliato in Roma. D.M. – anni 36 – di Montesilvano, è stato colpito da obbligo di dimora, con il divieto di allontanarsi dall’abitazione nelle ore notturne. Continuano le attività delle Fiamme Gialle pescaresi a contrasto del traffico di stupefacenti per la salvaguardia della vita umana nostra e dei nostri figli.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Hanno atteso l’arrivo dei soccorsi a pochi metri dalla vetta di Corno Grande, sul versante aquilano del Gran Sasso, i due alpinisti marchigiani, che dopo essere saliti per la via denominata Direttissima, sono stati sorpresi dal maltempo e hanno deciso, intorno alle 13,00, di lanciare l’allarme ai soccorritori alpini della Guardia di Finanza.

Il sacerdote, nato a Capracotta il 7.10.1930, era stato ordinato nel giugno del 1956. Vicario parrocchiale allo Spirito Santo, prima e parroco di Cerratina, poi, arrivò a Pescara Colli il 1 ottobre del 1973 come parroco di San Giovanni Battista.

Un giovane campano di 22 anni è stato denunciato dopo aver svuotato il conto online di un uomo di Chieti, appropriandosi di circa 20mila euro: i carabinieri della stazione di Chieti Principale lo hanno segnalato alla Procura per i reati di truffa aggravata, falso materiale, sostituzione di persona e frode informatica.

L’allarme è stato dato dalla figlia intorno alle 19,00 di ieri sera, prima ai Carabinieri e poi, tramite la Prefettura, anche ai tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzese e ai Vigili del Fuoco.