Venerdì 19 Luglio 2024

Cronaca

Furti con spaccata in negozi a colpi di tombino a Chieti e a Francavilla al Mare, ma al quarto assalto arrivano i carabinieri: quattro arresti

11/12/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Furti con spaccata in negozi a colpi di tombino a Chieti e a Francavilla al Mare, ma al quarto assalto arrivano i carabinieri: quattro arresti

Si tratta di 4 giovani, due marocchini e due italiani, già noti alle forze dell'Ordine.

Sono quattro le persone tratte in arresto dai carabinieri della stazione di Francavilla al Mare con il supporto del N.O.R. di Chieti e dei carabinieri della stazione di Chieti Principale, d’intesa con la Procura della Repubblica teatina accusati di essere gli autori dei furti con spaccata, con l'utilizzo di un tombino in diverse attività di Chieti e Francavilla al Mare.

 

 

 

 

Si tratta di quattro giovani, due italiani e due di origine marocchina, tre dei quali con già a carico specifici precedenti di polizia, con l’accusa per aver commesso tre furti aggravati continuati in concorso in tre esercizi pubblici, due a Chieti, uno a Francavilla al Mare, e un tentato furto aggravato in concorso sempre a Francavilla al Mare, nonché tutti accusati per possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso.

Gli eventi criminosi sono iniziati nel comune di Chieti, nel corso della notte di venerdì i quattro responsabili, si sono introdotti all’interno di due noti esercizi pubblici, prima lungo la via Arniense e poi lungo la via Picena, a distanza di nemmeno mezz’ora, spaccando le rispettive vetrine a colpi di tombini in ghisa prelevati dagli stessi poco prima nelle vicinanze. I responsabili, una volta sfondate le vetrine, sono entrati all’interno degli esercizi pubblici per poi asportare dal registratore di cassa denaro contante. Non particolarmente soddisfatti del bottino accumulato nei colpi messi a segno precedentemente nel comune teatino, il terzo obiettivo  della banda era quello di spostarsi, a bordo di una golf nera, verso il comune di Francavilla al Mare, e di mettere quindi nuovamente a segno, con lo stesso modus operandi, un altro noto locale, lungo la via Nazionale Adriatica Nord, dove anche qui hanno sfondato la vetrina a colpi di tombino. Poco più tardi, i quattro uomini si sono spostati lungo la Nazionale Adriatica Sud, in procinto di commettere la loro quarta spaccata presso un’altra nota attività commerciale del posto, ma sono stati sorpresi in flagranza di reato e bloccati tempestivamente dai carabinieri, coordinati grazie anche alla locale Centrale Operativa. Nella perquisizione dell'auto sono stati rinvenuti vari attrezzi atti allo scasso, nonché la cassettina di metallo contenente denaro contante di uno dei negozi precedentemente assaltati in Chieti e un tombino in ghisa prelevato in via Picena, quest’ultimo già utilizzato per sfondare poco prima le vetrine degli esercizi pubblici di Chieti e poi Francavilla. Una volta accompagnati in caserma, i carabinieri sono riusciti quindi a ricostruire l’intera dinamica e ricollegato tali episodi commessi dai responsabili la precedente notte, con l’aggiunta delle testimonianze dei passanti e dalla visione delle telecamere di videosorveglianza, cosi da determinare la responsabilità degli stessi anche nei precedenti furti nel comune teatino. Il magistrato di turno ha quindi disposto l’arresto dei quattro e la traduzione presso le carceri di Chieti, Lanciano e Pescara. La refurtiva è stata recuperata e successivamente restituita all’avente diritto. _________________________________________________________________________

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Anche nell’estate 2024 la Polizia di Stato accompagnerà il viaggio di quanti approfitteranno della bella stagione per visitare le principali località turistiche italiane.

Il tribunale di Pescara ha condannato a dieci anni e quattro mesi di reclusione Nico Fasciani, 25 anni, di Civitaquana (Pescara) al termine del processo con rito abbreviato per il duplice tentato omicidio nei confronti di uno zio, Giancarlo Fasciani (57), e della compagna di quest'ultimo, Paola De Palma (30) feriti gravemente, a colpi di pistola, il 17 maggio 2023.

Nuova udienza questa mattina in Corte d'Assise a Chieti, l'ultima prima della pausa estiva, per il processo per l'agguato sulla Strada Parco a Pescara del primo agosto del 2022 in cui venne ucciso l'architetto Walter Albi e rimase gravemente ferito l'ex calciatore Luca Cavallito.

Una lettera per documentare, anche con grafici e dati precisi, la condizione attuale in merito alla disponibilità della risorsa. E’ una vera e propria emergenza idrica per 49 comuni della provincia di Chieti alle prese con una programmazione di interruzioni della fornitura che non si verificava da anni.