Lunedì 17 Giugno 2024

Cronaca

Fca Italy Plant di Atessa: nuova settimana di fermo produttivo per mancanza di componenti

17/02/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Fca Italy Plant di Atessa: nuova settimana di fermo produttivo per mancanza di componenti

Preoccupazione per l'occupazione e l'economia della zona di Lanciano e della Val di Sangro

La Fca Italy Plant di Atessa (Chieti) ha annunciato una nuova settimana di fermo produttivo a causa della mancanza di componenti per allestire i furgoni Ducato. L'azienda aveva già chiuso per quattro giorni per lo stesso motivo, ma ora la mancanza di body computer ha reso necessaria una nuova chiusura. La notizia è stata comunicata oggi dal vertice aziendale alle organizzazioni sindacali.

La Rsa della Uilm ha annunciato che la settimana prossima i lavoratori saranno in cassa integrazione. Anche il reparto di Ckd della Lastratura si fermerà per questo weekend in cassa integrazione, ma si lavorerà regolarmente la settimana prossima. Anche lo stabilimento gemello di Glewice, in Polonia, si fermerà per mancanza dei componenti.

Secondo Europa Verde Frentania, questa situazione non fa stare tranquilli per il futuro occupazionale dei lavoratori di Lanciano e di tutta la Val di Sangro. Negli ultimi mesi del 2021 e per i primi nove mesi del 2022, infatti, il mercato del lavoro in quest'area è stato caratterizzato da un forte clima di incertezza e diverse aziende hanno ridotto la propria forza lavoro.

La mancanza di componenti e la conseguente chiusura degli stabilimenti rappresenta una preoccupazione per l'occupazione e l'economia della zona, e potrebbe avere ripercussioni anche sulla produzione e la consegna dei furgoni Ducato in altre parti del mondo.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Atessa Sevel Fca Italy

Potrebbero interessarti

C'è anche un'impresa con sede operativa a Vasto tra le 22 coinvolte nel gruppo delinquenziale scoperto dalle Fiamme Gialle di Treviso, dedito a truffe ai danni delle società di leasing. Le indagini, coordinate dalla Procura di Treviso, hanno portato alla denuncia di 30 persone Il gruppo proponeva beni industriali inesistenti alle società di leasing e non onorava i contratti.

Approvati Sub-Emendamenti per 7 Milioni di Euro, ma restano dubbi sui tempi di erogazione degli aiuti