Marted 17 Settembre 2019

Cronaca

CONTROLLI PASQUALI DEI CARABINIERI NAS: 273 TONNELLATE DI ALIMENTI SEQUESTRATI IN OLTRE 860 ISPEZIONI A TUTELA DEL CONSUMATORE

18/04/2019 - Redazione AbruzzoinVideo

In occasione del periodo pasquale, il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, di concerto con il Ministro della Salute, ha intensificato le attività di controllo di tutti i comparti merceologici e produttivi di beni e servizi connessi alle filiere degli articoli alimentari tipici della Pasqua. L’operazione, pianificata a livello nazionale con l’interessamento esecutivo dei 38 NAS Carabinieri, è stata realizzata con 862 ispezioni nei diversi settori di interesse, rappresentati principalmente dai tradizionali prodotti dolciari, quali uova di cioccolato e colombe, ma anche verificando la correttezza commerciale e igienica dei prodotti ittici e della carne ovina, i cui consumi evidenziano un significativo incremento nel periodo. L’esecuzione della campagna di controllo ha interessato sia la fornitura al dettaglio e la gestione dei prodotti finiti, che la preventiva vigilanza alle fasi di produzione e distribuzione. Gli esiti conseguiti documentano irregolarità accertate presso 337 strutture ed aziende oggetto di ispezione (pari al 39%), la contestazione di 4.590 violazioni penali ed amministrative, per un ammontare di 431 mila euro di sanzioni pecuniarie, ed il sequestro di complessive 273 tonnellate di alimenti, per un valore stimato in oltre 2 milioni di euro. Le violazioni più rilevanti sono state la frode in commercio (colombe o uova prodotte industrialmente ma dichiarate artigianali), la detenzione di alimenti e materie prime in cattivo stato di conservazione nonché la carente pulizia ed idoneità dei locali, mentre il 70% circa delle irregolarità riguarda la mancata applicazione delle procedute preventive di sicurezza alimentare, l’omessa tracciabilità dei prodotti e carenze in materia di etichettatura. A causa di gravi irregolarità igieniche e strutturali sono stati disposti provvedimenti di chiusura o sospensione dell’attività nei confronti di 59 esercizi commerciali e produttivi. Le verifiche dei NAS sono state indirizzate su: - i prodotti dolciari, a cui è stato riservato il 72% dei controlli, con il deferimento di 28 persone all’Autorità giudiziaria e 255 a quelle Amministrativa nonché eseguiti sequestri di 6 tonnellate di uova, colombe e semilavorati; - la filiera dei prodotti ittici, tradizionalmente consumati nei precetti religiosi, registrando il 42% di esiti non regolamentari e operando ingenti sequestri principalmente nelle aziende di importazione e di commercio all’ingrosso, pari a complessivi 259 tonnellate di pesce; - i prodotti a base di carne, in particolare quella ovina, sia circa la corretta indicazione dell’origine che per impedire possibili situazioni di macellazione abusiva. Tra le situazioni più significative accertate dai NAS in Abruzzo si evidenziano: NAS di Pescara Segnalato all’Autorità amministrativa il titolare di una pasticceria per aver mantenuto un laboratorio di produzione in pessime condizioni igienico-strutturali (sporcizia diffusa, attrezzatture ossidate, frigoriferi inefficienti). Sequestrati Kg. 300 di alimenti tra cui anche materie prime scadute di validità. L’attività, stimata in oltre un milione di euro, è stata chiusa. In un altro intervento, lo stesso NAS ha scoperto una pasticceria che offriva in vendita colombe pasquali come di “propria produzione” in realtà di provenienza industriale. Sequestrate 50 confezioni di prodotti e deferito il titolare per tentata frode in commercio. Provincia L'Aquila: 1 laboratorio di pasticceria attivato abusivamente chiuso, 2 laboratori con gravi carenze igieniche sospesi e 300 kg di alimenti vincolati distrutti (scaduti); 1 persona denunciata per tentativo di frode in commercio, in quanto poneva in vendita 60 kg. (Sequestrati) di prodotti industriali proponendoli per artigianali. Provincia di Teramo: 1 denuncia per tentata frode in commercio, poiché esponeva 50 kg di colombe pasquali di propria produzione (sequestrate) risultate di fatto industriali. Inoltre, in un'altra azienda ispezionata, rilevate carenze igienico sanitarie. Provincia di Pescara: 1 laboratorio di pasticceria attivato abusivamente chiuso. Denunciato per alimenti in cattivo stato di conservazione, materie prime con bruciature da freddo e scadute anche da due anni, 2 quintali di alimenti sequestrati ed avviati a distruzione immediata. Nel complesso sono state elevate 8 Sanzioni per carenze autocontrollo, rintracciabilità per circa 15 Mila €.
CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Picchiato da un branco di balordi, nella “nottata” delle Feste del settembre Lancianese, un giovane di 17 anni di Lanciano, rischia di perdere un occhio.

Sono stati raggiunti intorno alle 23.30 della scorsa notte, i due escursionisti di Tollo, un uomo e una donna rispettivamente di cinquantotto e cinquantadue anni, che ieri sera, per la spossatezza derivata da una escursione molto lunga, sono stati costretti a fermarsi alla Rava del Ferro, sulla Majella.

Si è conclusa ieri, con la visita degli Uffici Locali Marittimi di Martinsicuro e Tortoreto, la parentesi teramana del Comandante Generale delle Capitanerie di porto, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino.

I Carabinieri per la Tutela della Salute hanno ispezionato un allevamento ovino situato nella Marsica, notando che venivano detenute, per l’utilizzo, scorte di medicinali ad uso veterinario, senza la prevista autorizzazione e in mancanza di qualsiasi prescrizione medico-veterinaria