Giovedì 22 Febbraio 2024

Cronaca

Controlli del NAS di Pescara su aziende di alimenti: irregolarità riscontrate

20/03/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Controlli del NAS di Pescara su aziende di alimenti: irregolarità riscontrate

Promiscuità nella conservazione, mancata igiene e problemi di biosicurezza: le principali violazioni individuate dal NAS nelle aziende di allevamento e macellazione di prodotti carnei

Carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità (NAS) di Pescara hanno effettuato una serie di controlli mirati a garantire la sicurezza alimentare e la tutela della salute dei consumatori in alcune aziende di allevamento, macellazione e lavorazione di prodotti carnei. Durante le ispezioni, sono state riscontrate diverse irregolarità di natura amministrativa, igienico-sanitaria e strutturale. In particolare in provincia di

  • Pescara, all’interno del reparto macelleria appartenente ad azienda per la grande distribuzione, la promiscuità nella conservazione di prodotti carnei di diversa natura così come la presenza di contenitori per la raccolta dei rifiuti privi di coperchio, circostanze che comportano un elevato rischio di contaminazione degli alimenti. Rilevate anche la mancata revisione del manuale H.A.C.C.P. in relazione alla previsione di una zona dedicata alla lavorazione di altre tipologie di alimenti;
  • L’Aquila: nel reparto macelleria di una grande distribuzione, la presenza di sporco diffuso con residui di lavorazione e contenitori per i rifiuti non idonei, oltre che l’assenza di ostacoli fissi volti a prevenire l’accesso degli infestanti;
  • Chieti:
    - all’interno di uno stabilimento di macellazione, carenze igienico sanitarie e strutturali per la presenza di sporco vetusto sulle superfici, nelle celle frigorifere e sulle attrezzature nonché l’omessa predisposizione delle previste procedure di autocontrollo HACCP in relazione alla normativa sulla tracciabilità e rintracciabilità dei prodotti carnei, pertanto venivano sottoposte a sequestro amministrativo circa kg.200 di prodotti carnei freschi (per un valore di 4.000,00 euro);
    - all’interno di cinque macellerie, carenze igienico sanitarie e strutturali in riferimento alla pulizia delle
    celle frigorifere, dei locali igienici e spogliatoio, nonché l’omessa predisposizione delle previste
    procedure di autocontrollo HACCP in relazione alla normativa sulla tracciabilità e rintracciabilità dei
    prodotti carnei e, pertanto, venivano sottoposte a sequestro numerose confezioni di prodotti congelati
    già confezionati;
  • Teramo e Chieti, in n.3 aziende agricole di allevamento di bovini e suini, carenze in materia di biosicurezza degli animali e inadeguatezze igienico sanitarie e strutturali. Nello specifico veniva riscontrata la presenza di stalle prive di protezione antivolatili e recinzioni con punte acuminate, l’inadeguatezza dell’area per lo stoccaggio del fieno e del mulino dei cereali, installato in locale non idoneo, nonché l’assenza di formazione sulla biosicurezza e sui rischi di malattie infettive del personale incaricato alla gestione dei capi di bestiame.

A conclusione delle verifiche, è stato sequestrato complessivamente un quantitativo pari a 250 kg. di prodotti carnei (per un valore di 5.000 euro) e disposto da personale dell’ASL di Teramo, intervenuto su richiesta dei militari del NAS, il divieto di movimentazione di n.10 capi di bestiame (ovini e caprini) risultati privi di marchi auricolari attestanti la regolarità sotto il profilo sanitario e amministrativo.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Abruzzo Carabinieri Nas

Potrebbero interessarti

I fatti risalgono al periodo 2016-2021. Secondo l'accusa, da quando la vittima aveva solo 14 anni.

I destinatari dei provvedimenti, appartenenti alla cerchia relazionale virtuale del citato cittadino tunisino, risultano usuari di profili social con contenuti tipici degli ambienti dell’estremismo di matrice confessionale

I carabinieri della compagnia di Atessa le hanno notificato il provvedimento che le impedisce di tornare nel comune di Archi per 4 anni

I militari del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara hanno individuato due distinti siti contigui nel comune di Città Sant’Angelo dove erano presenti un ingente quantitativo di rifiuti pericolosi e una carrozzeria completamente abusiva.