Lunedì 25 Maggio 2020

Cronaca

Controlli dei Nas in un allevamento ovino nella Marsica

14/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Controlli dei Nas in un allevamento ovino nella Marsica

I Carabinieri per la Tutela della Salute hanno ispezionato un allevamento ovino situato nella Marsica, notando che venivano detenute, per l’utilizzo, scorte di medicinali ad uso veterinario, senza la prevista autorizzazione e in mancanza di qualsiasi prescrizione medico-veterinaria

 La scoperta dei NAS ha imposto l’intervento congiunto con il servizio veterinario igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche della competente ASL con il quale è stato operato il sequestro di 7 flaconi di specialità medicinali di diversa tipologia, ed in parte già utilizzati, nonché il vincolo dell’intero allevamento ovino composto da complessivi nr.271 capi per i successivi accertamenti, anche analitici sugli animali. L’attenzione dei NAS alle corrette pratiche di somministrazione e sospensione dei medicinali veterinari, è finalizzata ad evitare che, dalla filiera della carne, possano giungere sulla tavola carni contenenti residui di medicinali ed antibiotici.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Soddisfazione di Fsp Polizia: “Non eravamo inopportuni a muoverci per la salute dei colleghi”

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 1168, con una diminuzione di 11 unità rispetto a ieri.

I militari del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Pescara, a seguito di missioni di volo e mirata attività di polizia giudiziaria per la tutela del patrimonio ambientale e controllo del territorio, hanno eseguito un intervento nel Comune di Crecchio (CH), individuando un’area con numerosi autoveicoli fuori uso e abbandonati sul terreno vegetale.

In Abruzzo, dall'inizio dell'emergenza, sono stati registrati 3220 casi positivi al Covid 19, diagnosticati dai test eseguiti nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara, dall'Istituto Zooprofilattico di Teramo, dall'Università di Chieti e dal laboratorio dell'ospedale dell'Aquila.