Domenica 03 Marzo 2024

Cronaca

Carabinieri Forestale di Pescara scoprono cava abusiva

30/11/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Carabinieri Forestale di Pescara scoprono cava abusiva

Militari Nipaaf del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara deferiscono imprenditore per violazioni ambientali gravi, tra cui il superamento delle profondità consentite e l'omessa comunicazione di pericolo ambientale."

I Militari del Nipaaf del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, a seguito di comunicazione da parte dell’Ufficio Risorse Estrattive del Territorio della Regione Abruzzo nei primi di novembre e di successivi controlli, la scorsa settimana hanno deferito alla locale Procura della Repubblica un imprenditore del pescarese per esercizio abusivo di cava in zona vincolata in località “Acquamorta” di Loreto Aprutino (PE) e mancata comunicazione all'autorità del potenziale pericolo di contaminazione della falda acquifera.

L’imprenditore, infatti, procedeva alla coltivazione di una cava di ghiaia in zona sottoposta a vincolo paesaggistico non attenendosi alle prescrizioni presenti nell'atto autorizzativo regionale, scavando oltre gli 1,60 metri di profondità consentiti, superando i 4 metri e non rispettando il franco di 2 metri dalla superficie della falda.

Inoltre, avendo cavato abusivamente anche al disotto del livello della falda acquifera del vicino Fiume Tavo, il titolare dell’autorizzazione non aveva comunicato alle autorità l'evento potenzialmente pericoloso per l'inquinamento delle acque sotterranee, come previsto dal decreto ambientale del 2006.

Tra gli accertamenti è stato effettuato anche il sorvolo della zona di cava, grazie all’ausilio del 5° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Pescara, che ha documentato dall’alto la presenza di acqua nell’area estrattiva.

L’indagato”, ha affermato il Comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, “rischia l'arresto fino a due anni e l'ammenda da 15.493 a 51.645 euro, essendo gli interventi eseguiti in zona sottoposta per legge a vincolo paesistico ed in variazione essenziale, in totale difformità o in assenza dell’autorizzazione, come previsto dal Testo Unico sull’edilizia”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La squadra Mobile della Questura di Teramo ha eseguito otto misure cautelari in carcere e perquisizioni in diverse località, comprese le case circondariali di Teramo, Viterbo, Pescara e Roma Rebibbia. I reati contestati sono spaccio di sostanze stupefacenti e accesso indebito a dispositivi di comunicazione da parte di detenuti.

"Ditemi cosa devo fare". Sono le parole pronunciate ai poliziotti, subito prima di aprire la porta e lasciarli entrare in casa, dal 23enne di Pescara che per 44 ore è rimasto sul parapetto del suo balcone, al quinto piano di un palazzo del centro della città, minacciando il suicidio.

La Sasi comunica che a seguito di segnalazione di controlli interni riconducibili a situazioni di disagio per gli utenti nelle ore di maggior consumo della risorsa idrica, si necessita, oltre alle interruzioni settimanali già programmate e comunicate, di un intervento di interruzione della fornitura non differibile

Con l’avviso di conclusione delle indagini preliminari i finanzieri della Compagnia di Avezzano hanno portato a termine un articolato controllo antiriciclaggio e di polizia economico-finanziaria nei confronti di un’attività “compro oro” presente nel territorio marsicano.