Sabato 08 Agosto 2020

Attualità

Comune di Chieti e Dirigenti Scolastici al lavoro per programmare l’inizio del nuovo anno scolastico in sicurezza

07/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
 Comune di Chieti e Dirigenti Scolastici al lavoro per programmare l’inizio del nuovo anno scolastico in sicurezza

Nessun ingresso scaglionato per i 5000 alunni delle scuole dell’infanzia, delle primarie e secondarie di primo grado di Chieti. Nessun problema di spazio all’interno degli edifici.

Riunione stamane in Comune a Chieti convocata dal Sindaco, Umberto Di Primio insieme  all’Assessore ai Lavori Pubblici, Raffaele Di Felice,con i quattro dirigenti degli Istituti Comprensivi di Chieti - Maria Grazia Angeloni (Comprensivo 1), Giovanna Santini (Comprensivo 2), Maria Assunta Michelangeli (Comprensivo 3), Ettore D’Orazio (Comprensivo 4) - e la dirigente del Convitto G.B.Vico (plesso di competenza provinciale) Paola Di Renzo, per pianificare gli interventi e le attività in previsione dell’inizio del nuovo anno scolastico, in programma a settembre, alla luce delle direttive ministeriali di contenimento del rischio sanitario da Covid-19. Alla riunione hanno preso parte anche il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione degli Istituti Comprensivi, arch. Mauro Latini, il dirigente dell’Ufficio Lavori Pubblici del Comune, Paolo Intorbida e il funzionario del Comune, Sergio Pignetti. Nel corso della riunione, il Sindaco Di Primio ha ufficialmente informato i dirigenti scolastici che l’Ufficio Lavori Pubblici del Comune ha partecipato al Bando del Ministero dell’Istruzione riguardante lo stanziamento di finanziamenti riservati agli Enti Locali, per adeguare, con opportuni interventi, gli edifici, gli spazi e le aule didattiche alle misure di contenimento da Covid-19. Al Comune di Chieti, in base al riparto delle risorse nazionali, sono stati assegnati 310mila euro. «Appurato il fatto che nessun dirigente scolastico ha evidenziato problemi di spazi all’interno degli edifici, nessun Comprensivo effettuerà ingressi scaglionati e non è stata riscontrata alcuna difficoltà nel garantire le misure di distanziamento tra alunni – commenta l’Assessore Raffaele Di Felice – l’Ufficio Tecnico del Comune, come richiesto nel corso della riunione, interverrà, in via prioritaria, con lavori di sistemazione su tutti i servizi igienici e si adopererà nel realizzare tettoie e tensostrutture nelle aree esterne dei plessi scolastici affinchè questi stessi luoghi siano fruibili dagli alunni. Altri piccoli interventi riguardernno gli adeguamenti degli spazi interni ad alcuni edifici». «Nonostante i tempi brevissimi – evidenzia il Sindaco Di Primio - sono certo che la sinergia rinvigoritasi questa mattina, dall’incontro tra Comune e istituzioni scolastiche, ci porterà a programmare anche velocemente gli interventi che ci consentiranno, a settembre, di poter riaprire le scuole con tutto quanto necessario in questo momento particolare. L’adeguamento di alcune infrastrutture e la realizzazione di alcune aree attrezzate darà la possibilità a bambini e genitori di poter osservare le norme anti-Covid ma allo stesso tempo non renderà la scuola un luogo angusto. Confido molto nell’attività che faranno i dirigenti scolastici, ringrazio il geometra Pignetti per il lavoro che sta svolgendo e sono certo che tra due giorni saremo in grado di produrre le schede tecniche da inviare al Ministero per dare una destinazione ai 310mila euro a disposizione del Comune per gli interventi sulle scuole».

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Chieti Scuola

Potrebbero interessarti

Il progetto ha visto numerosi Incontri e affollati laboratori in sei comuni del Chietino.

Prima fase dei lavori dell’Autorità di sistema portuale per il ripristino della massicciata che protegge la banchina commerciale. Incarico affidato alla ditta Ne.co Costruzioni per un quadro economico di 800 mila euro con lavori programmati nel 2021 per un altro milione di euro.

Il Ministero, quotidianamente, pubblica numerose faq, cambiando continuamente le regole in corsa, generando confusione, ansie e giuste preoccupazioni.

E' il frutto di una rete solidale delle Acli sul territorio per aiutare le persone in difficoltà economica a causa dell'emergenza Covid19