Marted 07 Aprile 2020

Sanità

Vasto: giovedì l'intitolazione del reparto di Otorinolaringoiatria a Roberto Buzzelli, Il primario del San Pio di Vasto scomparso l’estate scorsa

04/02/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Vasto: giovedì l'intitolazione del reparto di Otorinolaringoiatria a Roberto Buzzelli, Il primario del San Pio di Vasto scomparso l’estate scorsa

L’iniziativa, promossa dall'Amministrazione Comunale di Vasto, è volta a promuovere la figura di un esperto, le cui capacità sono state messe a servizio della collettività.

Giovedì prossimo, 6 febbraio 2020 alle ore 10:30 è in programma la cerimonia di intitolazione del reparto di Otorinolaringoiatria dell'ospedale di Vasto a Roberto Buzzelli, primario prematuramente scomparso il 21 luglio scorso, a seguito di un incidente stradale. L’iniziativa promossa dall'Amministrazione Comunale di Vasto, che ha votato all'unanimità la proposta in consiglio, è volta a promuovere la figura di un esperto le cui capacità sono state messe a servizio della collettività. Il Dott. Roberto Buzzelli, negli oltre 25 anni di servizio presso la A.S.L Lanciano-Vasto-Chieti, è stato riconosciuto professionista qualificato ed apprezzato, punto di riferimento per tanti pazienti. Appassionato del suo lavoro Buzzelli era animato da straordinaria carica vitale, che lo portava ad accogliere con entusiasmo nuove sfide. Prenderanno parte alla cerimonia i familiari del dottor Buzzelli, il sindaco di Vasto, Francesco Menna, il direttore della Asl Thomas Schael e l’assessore regionale Nicoletta Verì.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'emergenza Covid 19 ha costretto tutti a rivedere non solo le proprie abitudini, ma anche a rimodulare il proprio lavoro in base alle nuove regole di distanza sociale.

"Per salvare vite ho trasferito due letti di Rianimazione da Lanciano a Chieti. E sarei un criminale?"

E' stato nominato con delibera del Direttore generale, Thomas Schael, pubblicata questa mattina sull'Albo pretorio on line della Asl

L'istanza del manager della Asl Lanciano Vasto Chieti nasce dall'analisi della situazione attuale, che vede il Laboratorio di Pescara gravato da un numero di richieste di test diagnostici superiore alla propria capacità produttiva, a causa del crescente aumento di casi positiv