Sabato 16 Ottobre 2021

Sanità

Vaccini a Chieti, ultimo sopralluogo al Pala Colle dell'Ara, mercoledì l'apertura del nuovo hub

23/08/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Vaccini a Chieti, ultimo sopralluogo al Pala Colle dell'Ara, mercoledì l'apertura del nuovo hub

Sindaco: “Appello alla popolazione a vaccinarsi, ci sono 600 posti disponibili già dai prossimi giorni” Febo: “Una scelta efficace quella di attivare la palestra per accogliere più persone e meglio”

Ultimi accorgimenti al Pala Colle dell’Ara, dove da mercoledì 25 agosto dalle ore 9 alle 14 sarà attivata la nuova sede vaccinale grazie alla sinergia Comune-Asl 2. Stamane l’ultimo sopralluogo operativo a cui hanno preso parte il sindaco Diego Ferrara e il direttore generale Thomas Schael, insieme ai rispettivi staff tecnici e rappresentanti della Protezione civile comunale.

“Siamo veramente agli sgoccioli della preparazione del nuovo hub vaccinale – così il sindaco Diego Ferrara – con l’auspicio che questa sede accolga al più presto i tanti che non si sono ancora vaccinati. A tale proposito voglio rilanciare l’invito che ci arriva dalla Asl a prenotarsi per le vaccinazioni, perché già dai prossimi giorni sono tante le possibilità di poter fare subito il vaccino. Quindi mi appello alla cittadinanza perché risponda numerosa a questa possibilità che abbiamo attivato mettendo in campo in modo più massiccio anche le nostre forze, al fine di contribuire a quella che ci sembra una giusta causa: procedere speditamente verso l’immunizzazione della maggior parte possibile della popolazione."

"Abbiamo una ripresa da affrontare, una nuova ondata di pandemia da evitare, dobbiamo mettere insieme le forze e fare la nostra parte tutelando la nostra salute e quella dei nostri cari, soprattutto dei ragazzi che a breve torneranno a scuola e che non sono immuni al virus, che sta colpendo in questa fase proprio giovanissimi e persone non vaccinate. Voglio anche ringraziare tutte le forze che consentiranno l’apertura del Pala Colle dell’Ara, che è stato allestito con tutto quello che serve per rispondere alle esigenze di una sede funzionale e operativa, dotata di parcheggi e della logistica necessaria, meglio raggiungibile e a servizio dell’utenza". Continua il sindaco Diego Ferrara.

 

"Comincio i ringraziamenti dal personale, in primis quello volontario che accoglierà la popolazione da mercoledì in poi, sono forze per noi preziose, sia che si parli di Protezione civile comunale, sia di associazioni che si sono messe a servizio della città in un momento in cui è importante farlo. Insieme affronteremo il prossimo autunno e se la risposta al vaccino sarà ampia, potremo tenere a bada i numeri dei contagi e dei ricoveri e così uscire dal tunnel di questo virus che ha cambiato e stravolto le nostre vite in questi ormai lunghissimi mesi di pandemia. Grazie anche a tecnici e allestitori che in pieno agosto hanno tenuto ritmi serrati per arrivare a questa apertura e alla Asl con la quale abbiamo condiviso un percorso che ha un fine nobile e indispensabile, quello di tutelare la comunità”.

“Mi unisco al sindaco nel salutare positivamente l’attivazione di questi spazi vaccinali – aggiunge il presidente del Consiglio comunale, Luigi Febo – che sono a servizio della città e della campagna nazionale per favorire l’incolumità dei territori al virus. Il Comune ha fatto uno sforzo grande, consapevolmente, mettendosi a servizio della cittadinanza e facendo da terminale a un’organizzazione che coinvolge in modo positivo anche le associazioni cittadine, di Protezione civile e non. L’auspicio è oggi quello di veder funzionare a pieno regime questo hub, che abbiamo proposto sin dall’inizio, certi che potesse essere rispondente all’esigenza di accogliere più gente possibile per accorciare le distanze dall’immunità di gregge che ci aiuterà ad uscire dal virus e a risollevarci pienamente insieme a tutto il Paese”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Impianto mini invasivo di valvola cardiaca trasmesso al Congresso nazionale di Cardiologia interventistica

Intanto in alcuni Comuni la percentuale dei vaccinati, è ancora sotto il 70%. Si tratta di Montebello sul Sangro, Monteferrante, Orsogna, Roio del Sangro e Schiavi d’Abruzzo.

Prosegue anche con la inoculazione delle prime dosi, circa 500 al giorno, molte delle quali effettuate per effetto dell’estensione del Green pass.