Marted 05 Luglio 2022

Sanità

Obbligo vaccinale per i lavoratori: alla Asl di Chieti controlli attraverso la rilevazione presenze

14/02/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Obbligo vaccinale per i lavoratori: alla Asl di Chieti controlli attraverso la rilevazione presenze

Domani 15 febbraio, per il mondo del lavoro scatta l’obbligo di Green pass rafforzato per tutti i dipendenti, sia del settore pubblico che privato.

Sarà una data importante, quella di domani 15 febbraio, per il mondo del lavoro, dove scatta l’obbligo di Green pass rafforzato per tutti i dipendenti, sia del settore pubblico che privato.

Per il personale sanitario l’obbligo vaccinale è già in vigore da tempo, e ai fini del necessario controllo la Asl Lanciano Vasto Chieti si è dotata di un sistema che consente una verifica quotidiana e automatizzata del possesso delle certificazioni verdi in corso di validità del personale effettivamente in servizio, senza rivelare le ulteriori informazioni conservate, o comunque trattate. Viene utilizzata la Piattaforma nazionale Digital Green Certificate per l’emissione e validazione delle certificazioni verdi Covid-19, ossia il sistema informativo nazionale che ne gestisce il rilascio, la verifica e l’accettazione, realizzato attraverso l’infrastruttura Tessera Sanitaria.

La Asl dallo scorso 22 gennaio ha aderito a una opzione offerta dal Ministero della Salute che utilizza una interoperabilità applicativa tra i sistemi informativi di gestione del personale delle amministrazioni pubbliche con almeno mille dipendenti e con uffici dislocati in più sedi fisiche. Il controllo avviene attraverso il sistema di gestione delle presenze e assenze, che segnala irregolarità a fronte delle quali scattano le comunicazioni dell’Azienda ai diretti interessati, ai quali viene segnalata la violazione dell’obbligo vaccinale con invito a regolarizzare la propria posizione entro due giorni, pena la sospensione. Delle 36 lettere inviate finora a mezzo raccomandata a dipendenti sui quali il sistema ha riscontrato difformità, in 24 hanno già risposto producendo una documentazione che attesta la regolarità della propria posizione, mentre per gli altri scatteranno i provvedimenti di sospensione.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'assessore alla sanità della Regione Abruzzo fa alcune precisazioni dopo aver appreso della protesta del dottor Nando Del Giovane, in sciopero della fame da ieri davanti all’ospedale di Pescara.

Saranno posizionate ambulanze con infermiere di area critica per prestare soccorso qualificato in regime di urgenza. Per l’assistenza sanitaria di base, invece, i turisti potranno rivolgersi a medici di medicina generale e pediatri di libera scelta presenti sul territorio.

Il dottore ha guidato l’unità operativa negli ultimi anni ed è stato nominato a seguito di un avviso pubblico bandito dalla Asl Lanciano Vasto Chieti.

Nei soggetti con infezione da SARS CoV-2 l’approccio chirurgico è decisamente più complesso.