Lunedì 04 Luglio 2022

Sanità

Coronavirus, aperto nel pomeriggio il secondo hub vaccinale di Pescara

26/01/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, aperto nel pomeriggio il secondo hub vaccinale di Pescara

Oggi prime somministrazioni al Polo direzionale De Cecco

La città di Pescara può contare da oggi su un secondo centro vaccinale comunale presso Palazzo Fuksas. Un segnale di speranza in un momento molto delicato sul fronte della diffusione del contagio da Covid 19, con l’Abruzzo collocato da lunedì scorso in “zona arancione”.

"Era un impegno assunto con tutti i pescaresi dall'amministrazione comunale - ha detto il sindaco Carlo Masci - La quotidiana analisi dei dati sulla diffusione del contagio, condivisa con il manager della Asl Vincenzo Ciamponi e con il responsabile del dipartimento Rossano Di Luzio, col passare dei giorni ha reso chiara la necessità di dotarci di un’ulteriore struttura che potesse agire in sinergia con l’hub già operativo presso la stazione di Pescara Porta Nuova. E abbiamo così moltiplicato i nostri sforzi per trovare una struttura idonea a questo scopo. Voglio quindi ringraziare, per la disponibilità dimostrata, la proprietà dell’edificio, vale a dire la famiglia De Cecco".

Il centro comunale anti-Covid ha aperto intorno alle ore 15, e sono subito iniziate le procedure di vaccinazione. Un risultato raggiunto grazie all’impegno del sindaco e degli assessori Eugenio Seccia e Alfredo Cremonese che hanno trovato la piena disponibilità dell’imprenditore Giuseppe Aristide De Cecco, della moglie di questi Silvia Iezzi e della figlia Beatrice De Cecco, per l’utilizzo del piano terra del polo direzionale che fu già sede della Fater.

Un'operazione di grande rilievo per la prosecuzione della campagna vaccinale e che certamente permetterà di rendere più efficiente la risposta a tutta quell’utenza, adulti e bambini, che è alle prese con il completamento della profilassi anti-covid. Il nuovo centro vaccinale comunale, che nei primi giorni sarà organizzato in quattro linee di somministrazione che immediatamente dopo passeranno a cinque, sarà impiegato sia per la vaccinazione della popolazione adulta e over 12 anni, sia per quella pediatrica (5-11 anni).

Il centro osserverà i seguenti giorni e orari di apertura: dal lunedì al sabato mattina, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 (ultimo ingresso) e dalle ore 15.00 alle ore 19.00 (ultimo ingresso). Rimarrà quindi chiuso il sabato pomeriggio e la domenica (sabato 29 gennaio sarà chiuso l’intera giornata). Le prenotazioni per la vaccinazione della fascia adulta della popolazione e per gli over 12 sono aperte sul portale di Poste all’indirizzo www.prenotazioni.vaccinicovid.gov.it. Per la prenotazione dei bambini bisognerà invece attendere qualche giorno.

"Abbiamo notato subito durante i primi sopralluoghi – ha detto l’assessore alla Protezione civile Eugenio Seccia – che i locali al piano terra del polo direzionale De Cecco, che hanno un’ampiezza di circa mille metri quadrati, si prestavano alla finalità di collocarvi diverse linee di somministrazione, tanto che i tecnici dell’Azienda sanitaria oggi hanno parlato di una potenzialità non inferiore alle 900 dosi erogate al giorno. E’ inoltre un’operazione conclusa a condizioni economicamente vantaggiose per il Comune grazie alla famiglia De Cecco. Invito dunque tutti i pescaresi a vaccinarsi per vincere la battaglia contro un nemico terribile qual è il Covid".

Di non minore importanza la presenza di spazi esterni sufficienti per la sosta delle auto, essendo il sito in questione compreso tra via Alessandro Volta e Strada Comunale Piana e a due passi dal costruendo nuovo tratto della Strada-Pendolo. La famiglia De Cecco, e la signora Silvia in particolare, hanno dichiarato di aver dato la propria disponibilità a fronte della dedizione con cui l’amministrazione ha perseguito l’individuazione di una sede, ma anche di aver voluto dare un contributo e un segno di vicinanza alla città e ai pescaresi in questa difficile fase storica.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'assessore alla sanità della Regione Abruzzo fa alcune precisazioni dopo aver appreso della protesta del dottor Nando Del Giovane, in sciopero della fame da ieri davanti all’ospedale di Pescara.

Saranno posizionate ambulanze con infermiere di area critica per prestare soccorso qualificato in regime di urgenza. Per l’assistenza sanitaria di base, invece, i turisti potranno rivolgersi a medici di medicina generale e pediatri di libera scelta presenti sul territorio.

Il dottore ha guidato l’unità operativa negli ultimi anni ed è stato nominato a seguito di un avviso pubblico bandito dalla Asl Lanciano Vasto Chieti.

Nei soggetti con infezione da SARS CoV-2 l’approccio chirurgico è decisamente più complesso.