Venerdì 24 Maggio 2024

Politica

La Guardia di Finanza Giulianova confisca 30mila euro a un cittadino cinese che aveva ottenuto fondi pubblici grazie al Decreto Liquidità

22/04/2024 - Redazione AbruzzoinVideo
La Guardia di Finanza Giulianova confisca 30mila euro a un cittadino cinese che aveva ottenuto fondi pubblici grazie al Decreto Liquidità

l Tribunale di Teramo ha disposto l’esecuzione di un provvedimento di confisca del profitto diretto del reato di malversazione di erogazioni pubbliche pari a € 30.000 nei confronti di un cittadino cinese

Al termine di indagini condotte dai militari della Guardia di Finanza della Compagnia di Giulianova, il Tribunale di Teramo ha disposto l’esecuzione di un provvedimento di confisca del profitto diretto del reato di malversazione di erogazioni pubbliche pari a  30.000 euro nei confronti di un cittadino cinese, il quale, attraverso la sua ditta individuale con sede a Tortoreto e operante nel settore della fabbricazione di articoli da viaggio, borse e pelletteria, ha avuto accesso a un finanziamento garantito dallo Stato, di cui al Decreto-Legge 8 aprile 2020, n. 23 (c.d. “Decreto Liquidità”), che ha potenziato il “Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese (PMI)” ed è stato emanato per mitigare la crisi economico-finanziaria dovuta alla pandemia da COVID-19.

Le indagini, condotte dalla Compagna della Guardia di Finanza di Giulianova, hanno fatto emergere che il responsabile ha utilizzato le risorse pubbliche per effettuare bonifici intestati a parenti della stessa nazionalità. È stato sanzionato anche il commercialista della società in quanto, in ragione del rapporto intrattenuto con il cliente, ha violato gli obblighi di adeguata verifica, di astensione o trasmissione di segnalazione per operazioni sospette imposte dalla normativa anti riciclaggio in capo ai soggetti obbligati, tra cui rientrano appunto i commercialisti.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La consigliera di Lanciano in comune: “E’ un fatto che l’orientamento del presidente Marsilio è quello di vendere la società, come è un fatto che il presidente Amoroso abbia cercato di scoraggiare questa scelta."

Dichiarazione dei senatori abruzzese e molisano di Fratelli d’Italia, componenti della commissione Antimafia, Etelwardo Sigismondi e Costanzo Della Porta, nel giorno del 32esimo anniversario dell'attentato terroristico mafioso in cui fu ucciso il giudice Falcone

L'assessore regionale al lavoro sottolinea il costante contatto con le parti datoriali e con i sindacati di categoria per mettere in atto misure utili a gestire questo momento difficile

"La Sangritana è cresciuta moltissimo sotto il primo governo Marsilio e la sfida che dobbiamo cogliere oggi è rafforzare maggiormente un importante asset regionale per non perdere quote di mercato significative, in un contesto che è sempre più competitivo e favorisce grandi aziende.