Lunedì 19 Aprile 2021

Eventi

A PESCARA 'DONNE CON LE STELLETTE'

08/03/2012 - Redazione AbruzzoinVideo

8 marzo 2012. Per la Festa della Donna, il Comune di Pescara ha organizzato un convegno dal titolo "Donne con le stellette" una opportunità in più al servizio dell'Italia in cui alcuni ufficiali donna dell'Esercito hanno illustrato la propria esperienza professionale e umana nel mondo militare. Oggi, dodici anni dopo l'ingresso delle donne nelle Forze Armate italiane, sono presenti circa undicimila tra ufficiali, sottufficiali e volontarie impegnate, senza alcuna discriminazione, in tutti gli incarichi sia nell'area operativa sia in quella logistica. Presenti al convegno il Sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia, il Generale C.A. Filiberto Cecchi, già Capo Stato Maggiore dell'Esercito, e il Generale D. Leonardo Prizzi, già Comandante della Regione Militare Abruzzo.

Una presenza di pace, di dialogo, e soprattutto di umanità: l’ingresso delle donne nelle Forze Armate, sancito con la legge del 1999, ha rappresentato un traguardo e, al tempo stesso, un valore aggiunto per il nostro Esercito, che si è arricchito di un contributo unico e fondamentale. Lo vediamo nelle stesse missioni all’estero, nella storia di tante ragazze che, al pari dei propri commilitoni, danno un apporto sostanziale al lavoro che il nostro Paese compie ogni giorno nei paesi ‘caldi’. Ed è per mettere in luce tale aspetto che oggi il Comune di Pescara ha volutamente scelto di dedicare la Festa dell’8 marzo alla scoperta delle ‘Donne con le Stellette’, raccontando la vicenda personale di ragazze che hanno scelto di indossare la divisa per professione e vocazione”. Lo ha detto il sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia intervenuto quest’oggi al convegno promosso dal Presidente della Commissione Pari Opportunità Daniela Arcieri Mastromattei su ‘Donne con le Stellette. Un’opportunità in più al Servizio dell’Italia’. Presenti, tra gli altri, il Presidente del Consiglio comunale Roberto De Camillis, il Generale Leonardo Prizzi, già Comandante della Regione Militare Abruzzo, il Generale Filiberto Cecchi, già Capo di Stato Maggiore dell’Esercito dal 2005 al 2007, e due donne ufficiali, il Capitano degli Alpini Katia Franz e il Capitano di Cavalleria Alessandra Longo, che hanno raccontato alla platea di studenti la propria esperienza, e soprattutto la propria scelta di vita nell’Esercito. A spezzare i racconti sono stati gli interventi musicali dell’Orchestra Femminile del Mediterraneo diretta dal M° Antonella De Angelis.

 

L’appuntamento odierno – ha detto il sindaco Albore Mascia – si inserisce a pieno titolo nel dibattito sul ruolo di crescente importanza della donna all’interno della società, determinando alcune considerazioni sul valore inestimabile dell’apporto offerto quotidianamente alla patria. L’ingresso delle donne all’interno delle Forze Armate è il traguardo di un lungo percorso di rivendicazione sancito con la legge 380 del 1999 che ha permesso allo Stato di poter valorizzare la preziosissima risorsa femminile all’interno dell’Esercito, destinando le donne sia all’area operativa che a quella logistica. Infatti le soldatesse italiane, come i colleghi uomini, sono impiegate in tutti i teatri operativi di maggior rilevanza e, a partire dal 2001, il personale femminile dell’Esercito è destinato sia all’estero, in operazioni di sostegno alla pace, sia in Italia, nelle operazioni legate alla prevenzione di atti terroristici. Proprio la presenza femminile nell’Esercito ha permesso di realizzare vari progetti di avvicinamento a situazioni particolari, come, ad esempio, la condizione delle donne afghane, spesso vittime di abusi, con la finalità di vincere la diffidenza delle donne islamiche e di favorirne nuovi percorsi di vita, facendo, al tempo stesso, leva sull’influenza positiva che la componente femminile, se adeguatamente stimolata e compresa, può avere all’interno del proprio contesto familiare, contaminando in modo positivo l’ambiente circostante. Credo quindi di esprimere un sentimento comune quando auspico che la partecipazione femminile alla vita politica e militare aumenti sempre più e dia la possibilità all’universo femminile di ricoprire ruoli chiave nel nostro Paese. Ma la celebrazione odierna - ha proseguito il sindaco Albore Mascia - non può farci dimenticare anche un’altra tematica scottante che nei giorni scorsi è tornata drammaticamente alla ribalta con due gravissimi fatti di cronaca avvenuti in Abruzzo, ovvero il tema della violenza sessuale, episodi che ancora una volta sottolineano quanto sia importante lavorare sulla prevenzione, sull’educazione degli uomini al rispetto verso la donna, una formazione mentale che deve cominciare innanzitutto nelle scuole”. “I soldati-donna sono eroi del nostro tempo che sempre più spesso sanno caratterizzare, con la propria presenza, le nostre missioni di pace all’estero – ha ribadito il Presidente Arcieri Mastromattei -, dando un segno distintivo all’intero Esercito che, fedele al proprio giuramento, ha dispiegato le Bandiere delle proprie unità sui martoriati quartieri di Beirut, come sui territori africani della Somalia e del Mozambico, portando stabilità e pace alle genti locali. Truppe animate sempre da sentimenti di grande solidarietà, che hanno contribuito a portare ordine, sicurezza e speranza alle provate popolazioni dell’Iraq settentrionale, della Bosnia, dell’Albania, del Kosovo, così come a Timor Est e in Afghanistan. E in tutti i teatri c’erano le donne italiane: ricordo quando l’11 giugno 2011 l’Associazione femminile ‘donne musulmane’ della municipalità libanese di Qana ha incontrato, nella base di Italbatt1, una rappresentanza di soldatesse italiane in servizio alla task force ‘Sesto Bersaglieri’, aprendo un confronto costruttivo sul ruolo della donna a qualunque Stato o religione appartenga”. Subito dopo la parola è passata ai due ufficiali presenti in sala che si sono raccontate agli studenti. Prima il Capitano degli Alpini Katia Franz, effettiva al 9° Reggimento alpini con sede a L’Aquila, diplomata in Ragioniera a Cividale del Friuli e subito dopo impiegata presso una Ditta di Import-Export in cui si occupava di contabilità. Nel 2000, primo anno di arruolamento per le donne nell’Esercito Italiano, ha deciso di fare il concorso per entrare all’Accademia Militare di Modena, iniziando la sua vita militare, trascorrendo due anni a Modena dove, dopo un duro addestramento, è stata nominata Sottotenente. Nel settembre 2002 è stata trasferita a Torino, nel 2005 si è laureata in Scienze Strategiche ed è stata assegnata al 9° Reggimento Alpini con sede a L’Aquila, partendo poi per la prima missione in Afghanistan, con sede a Kabul; ma il Capitano Franz ha svolto servizio anche in Kosovo, di nuovo a Kabul, dove ha lavorato presso la Sala Operativa della Brigata Alpina Taurinense; da giugno 2011 a gennaio 2012 ha comandato la Compagnia di Supporto alla Manovra del Battaglione Alpini ‘L’Aquila’, mentre da luglio andrà presso l’Accademia Militare di Modena. Il Capitano di Cavalleria Alessandra Longo, Comandante di Squadrone presso il Reggimento ‘Lancieri di Montebello’ di Roma, ha frequentato l’Accademia militare di Modena; laureata in Scienze Strategiche, ha partecipato all’Operazione Domino, a settembre 2005; l’Operazione ‘Antica Babilonia 9’ in Iraq; l’operazione ‘Joint Enterprise’ in Kosovo e l’Operazione ‘Strade sicure’. Entrambe hanno raccontato agli studenti i periodi dell’addestramento, ma anche la passione per il Servizio alla Patria.

 

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

donne con le stellette

Potrebbero interessarti

Dal 24 Giugno al 9 Luglio numerosi gli eventi per celebrare anche il decennale della scomparsa del noto personaggio politico che amava fortemente l'Abruzzo.

Nello splendido scenario del Teatro Fenaroli di Lanciano il giorno di Pasqua, il 4 aprile 2021, terzo appuntamento del festival RELive: La Musica Torna a casa

Il Direttore Marittimo Capitano di Vascello Minervino: un onore partecipare alla giornata e parlare con gli alunni del Nautico che un domani popoleranno il settore marittimo.

Le unità cinofile dei Vigili del Fuoco si sono distinte negli anni per il grande contributo che hanno dato per salvare tantissime vite umane, nel corso di guerre,terremoti e in numerose operazioni di soccorso e ricerca in superficie, macerie e valanghe.