Marted 23 Luglio 2024

Cultura

Prima Edizione del Premio Mayer a Fossacesia, premiati Nicola Mattoscio, Donato Di Campli e Tino Lanci

28/08/2023 - Redazione AbruzzoinVideo

Personalità Abruzzesi onorate per Eccellenza Culturale, Imprenditoriale e Solidaristica

Sabato scorso, la villa ottocentesca Parco dei Priori a Fossacesia è stata il palcoscenico di una serata di prestigio e celebrazione in occasione della Prima Edizione del Premio Mayer - "Trabocco d'Oro". L'evento ha messo in luce le brillanti realizzazioni e gli impegni straordinari di alcune delle più significative personalità abruzzesi nei campi della cultura, dell'imprenditoria e della solidarietà. L'iniziativa è stata un successo collaborativo tra l'Associazione I.T.A.C.A. (Iniziative per il Turismo, l'Agricoltura, la Cultura e l'Ambiente), guidata da Marisa De Filippis, e la Società Italiana di Cultura, presieduta da Andrea Mascitti e il maestro Roberto de Grandis, presidente della Scuola Civica di Musica Fedele Fenaroli. L'evento ha ricevuto il patrocinio del Comune di Fossacesia e il sostegno di ADSI Abruzzo, SUPPORTER GROUP e PANORAMICA SRL.

La cerimonia di premiazione ha reso omaggio a tre straordinarie personalità abruzzesi, che si sono distinte nei rispettivi campi. Nicola Mattoscio, presidente della Fondazione Pescarabruzzo, è stato riconosciuto per il suo contributo nel settore culturale. Donato Di Campli, imprenditore nel settore turistico e ricettivo, è stato celebrato per la sua eccellente leadership imprenditoriale. Tino Lanci, medico specializzato in Oculistica, è stato onorato per il suo impegno nella solidarietà.

La selezione dei vincitori è stata guidata da una Commissione Premi composta da figure di spicco, tra cui Rocca Maria Auletta, Simona Fattore, Francisco José Fernandez, Nicoletta Di Gregorio, Marina Cvetic Masciarelli, Piero Mazzocchetti, Filippo Paolini e Gennaro Varone. Questa giuria di esperti ha valutato attentamente le candidature, riconoscendo i risultati straordinari e l'impatto positivo di ciascun vincitore.

Prima della cerimonia di premiazione, si è tenuto un convegno stimolante dal titolo "Secoli in Abruzzo" che ha aperto la discussione su importanti tematiche legate al recupero e all'integrazione degli edifici storici nella strategia di sviluppo turistico. Il convegno ha visto la partecipazione di figure influenti, tra cui Enrico Di Giuseppantonio, Sindaco di Fossacesia e Giovanni Ciarrocca, Presidente dell'Associazione Dimore Storiche Italiane Abruzzo.

Il Premio Mayer - "Trabocco d'Oro" trae ispirazione dal casato Mayer, che si è stabilito a Fossacesia nel 1754, portando con sé grande ricchezza e influenza. Questo casato rappresenta una parte significativa della storia abruzzese, con grandi proprietari terrieri che hanno contribuito al progresso della regione in vari ruoli, da imprenditori a mecenati.

Oltre all'onore di essere premiati, i vincitori di ogni categoria hanno ricevuto un riconoscimento artistico unico: un'opera d'arte realizzata dal rinomato Maestro Giuseppe Liberati, simbolo tangibile della loro dedizione e del loro successo. Un Progetto curato e organizzato con dedizione da Marisa De Filippis, presidente dell'associzione Itaca, da Andrea Mascitti (Direzione generale) e dal maestro Roberto De Grandis (Event Manager). Questo evento è stato un'occasione straordinaria per celebrare l'ingegno e il lavoro di coloro che stanno facendo una differenza positiva nell'Abruzzo contemporaneo. La serata è stata un momento di riconoscimento e ispirazione, dove il Premio Mayer - "Trabocco d'Oro" ha sottolineato il ruolo cruciale che le personalità eccellenti giocano nel contribuire al benessere e al progresso della regione. L'Associazione I.T.A.C.A. e la Società Italiana di Cultura

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'evento è organizzato dall’associazione “Officina Lanciano” in collaborazione con l'associazione “I cinque sensi”

Trenta i partecipanti , tra artisti affermati ed emergenti, che hanno completato i lavori in tempi record sfidando il caldo torrido

"Questa pietra non è solo un materiale, ma un simbolo della cultura e dell'identità dell’Abruzzo".