Sabato 04 Luglio 2020

Cronaca

Scritte fasciste sul monumento alla Brigata Maiella a Bologna

26/04/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Scritte fasciste sul monumento alla Brigata Maiella a Bologna

La Fondazione Brigata Maiella esprime il proprio sdegno per l’ennesimo grave atto di deturpamento del monumento della Brigata Maiella nel quartiere Savena a Bologna.

Il Presidente della Fondazione Brigata Maiella, Prof. Nicola Mattoscio, sottolinea all’attenzione collettiva che sono già state avviate con il Comune di Bologna le trattative per realizzare un monumento diffuso alla memoria della Maiella: “Il gesto, per quanto vigliacco, non basterà a distogliere l’attenzione verso la difesa della democrazia e della libertà come baluardo del nostro avvenire e del nostro vivere civile. Ci rafforza anzi nell’intenzione di portare avanti l’impegno che ci vincola a preservare la grande eredità lasciataci dai Combattenti della Brigata Maiella, dai suoi 55 caduti e dall’esempio epico del suo Comandante Ettore Troilo. Ancora maggiori saranno quindi i nostri sforzi, per lasciare tracce visibili, attraverso epigrafi marmoree che moltiplicheranno il ricordo dei Maiellini sul territorio”. - conclude

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

I due sarebbero i responsabili di due rapine con aggressione proprio per rubare il costoso orologio dai polsi di un uomo e di donna. Uno dei malviventi risiedeva a Francavilla al mare. Dopo una complessa attività di indagine sono stati individuati e arrestati.

Una sfida a colpi di bellezza in termini di decoro urbano, tra balconi fioriti, spazi pubblici abbelliti con decorazioni floreali e vetrine impreziosite da piante e fiori. Valorizzare, colorare, rendere ancora più bella Lanciano sono tra gli obiettivi della prima edizione di “Rifiorisce Lanciano – Città dell'Accoglienza”, un concorso che intende premiare gli interventi che contribuiranno a diffondere l’immagine di una comunità accogliente, aperta, colorata.

Tragedia sfiorata ieri per un operaio della Sevel di ritorno dal turno del pomeriggio.

Immediata è scattata la perquisizione all’interno dell’abitazione, dove sul balcone i Carabinieri hanno rinvenuto 5 piante di marijuana di oltre 1 metro.