Lunedì 04 Marzo 2024

Cronaca

È scomparso ieri a Lanciano il Ragioniere Ennio De Benedictis, il Fondatore del Frentano d’Oro

30/06/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
È scomparso ieri a Lanciano il Ragioniere Ennio De Benedictis, il Fondatore del Frentano d’Oro

Lanciano perde una delle personalità di spicco della storia dell’ordine dei ragionieri commercialisti, della cultura Frentana e della solidarietà.

Lanciano perde un Frentano appassionato e visceralmente legato alla sua terra ed alle sue tradizioni. Il ragionier Ennio De Benedictis è scomparso, improvvisamente, ieri sera nella sua abitazione all’età di 85 anni. Un uomo che, attraverso la  professione, la cultura e la grande attenzione per il volontariato e la solidarietà, si è distinto negli anni ed ora lascia un grande vuoto nella vita di chi ha avuto l’onore di conoscere ed apprezzare le sue doti umane e professionali.
Già presidente del Collegio dei Ragionieri Commercialisti di Lanciano, De Benedictis era un professionista molto stimato ed ha rappresentato un esempio per tanti ragionieri e  commercialisti che lui stesso ha guidato nell’intraprendere con entusiasmo ma anche con miticolosità e rigore la professione.

Il ragioniere De Benedictis viene ricordato per il suo immenso e viscerale amore per la sua Lanciano, quell’amore che lo ha portato ad ideare il Premio Frentano d’Oro città di Lanciano, consegnato proprio dalle sue mani a tantissimi lancianesi che si sono distinti nel mondo grazie alla loro qualità professionali, dando lustro a Lanciano e portando la loro città di origine, le proprie radici, sempre nel cuore. Un premio che ha visto tornare nella città Frentana personalità del calibro di Mario Ceroli, Marcello De Cecco, Alessandro Pace, Guerrino De Luca,Donato Renzetti, Dominick Salvatore,Nicola Cerrone,Lucio Troiano,Giovanna Alberta Campitelli, Giuseppe Natale, Luigi Schips e tanti altri. La manifestazione di grande successo e curata in ogni suo dettaglio dal ragioniere ha rappresentato un gioiello per lui, una rassegna nella quale ha messo tutto se stesso, tutta la sua passione ed il suo entusiasmo e della quale era profondamente fiero. Una manifestazione ormai divenuta importante evento annuale della città  ed un premio molto ambito e che ha visto il plauso di tutti gli ammnistratori che si sono susseguiti negli anni.

Quel “il ragionier”, che ha da sempre accompagnato il suo cognome, la dice lunga anche sulla fierezza per la sua professione e su quella vita intera dedicata a un lavoro fatto di numeri e di razionalità, che de Benedictis ha voluto e saputo accompagnare con un’altra grande sua ragione di vita, la solidarietà ed il volontariato. De Benedictis ha infatti anche ricevuto il Premio volontario solidale. Un riconoscimento che gli venne conferito proprio "per la sua presenza appassionata e invisibile, ma costante e fondamentale per la cultura frentana". Il ragioniere era stato scelto dell'associazione Ama Frentania onlus perché ritenuto un cittadino che aveva svolto con amore, costanza e passione, la sua attività volontaria costituendo un punto di riferimento per la comunità.

Lo scorso anno era scomparsa la sua amata moglie, Diana innocenti, stimata insegnante di scuola elementare, con la quale condivideva le numerose azioni di buon cuore, che in tanti gli riconoscono, ma che erano sempre silenziose e rispettose, mai ostentate.

Tanti gli attestati di cordoglio per la scomparsa di Ennio De Benedictis tra i quali quello del decano dei giornalisti frentani, Mario Giancristofaro, che ha presentato per 20 anni, al suo fianco, la sua creatura, Il Frentano d'Oro.

"Caro Ennio sei stato un Frentano D'Oro - scrive il giornalista de Il Messaggero - Ennio, te ne sei andato e noi adesso siamo tutti più poveri. Più poveri nella professionalità, nella cultura, nella capacità di creare idee, nel modo di voler bene, nel senso giusto, alla propria città: quella città di Lanciano che tanto amavi. Ho avuto la fortuna e il privilegio di starti accanto, per 20 anni, nella gestione di quel gioiello di manifestazione del Premio “Il Frentano d’Oro” e ti ho visto lavorare con intelligenza, managerialità e altruismo, come poche altre volte mi era capitato. - continua Giancristofaro - Dal Jazz all’Ordine dei Commercialisti, dal Consorzio Universitario alla Carabba, fino al "Frentano d'oro", e tanto altro, tu hai segnato in positivo decenni della vita cittadina. Caro Ennio, sono tante le cose che potrei ricordare di te, ma non ce n’è bisogno, ti conoscevano tutti. Voglio solo dire che in quell’albo dei premiati del “Frentano d’Oro” tu sei al primo posto. In cielo, abbracciami la tua adorata Diana. Qui, noi tutti terremo cura di Manuela".

Sentito e commosso anche l'attestato di cordoglio espresso dall’avvocato Sandro Sala che, appena appresa la notizia, ha voluto ricordare il ragioniere con un post su fb.

“Ieri sera Lanciano ha perso uno degli ultimi personaggi che ha caratterizzato la vita Culturale e Professionale del secolo scorso e degli ultimi decenni.
Il Ragioniere Ennio, come amava farsi chiamare, lascia un vuoto che difficilmente potrà essere colmato, ma lascia anche una eredità culturale che non potrà e non dovrà andare dispersa.”

I funerali del ragioniere De Bendictis saranno celebrati venerdì prossimo alle 16.30 nella Chiesa di Villa Andreoli.

L'editore e il direttore della testata giornalistica di Abruzzo in video esprimono le più sentire condoglianze alla figlia Manuela e a tutti i suoi cari.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La squadra Mobile della Questura di Teramo ha eseguito otto misure cautelari in carcere e perquisizioni in diverse località, comprese le case circondariali di Teramo, Viterbo, Pescara e Roma Rebibbia. I reati contestati sono spaccio di sostanze stupefacenti e accesso indebito a dispositivi di comunicazione da parte di detenuti.

"Ditemi cosa devo fare". Sono le parole pronunciate ai poliziotti, subito prima di aprire la porta e lasciarli entrare in casa, dal 23enne di Pescara che per 44 ore è rimasto sul parapetto del suo balcone, al quinto piano di un palazzo del centro della città, minacciando il suicidio.

La Sasi comunica che a seguito di segnalazione di controlli interni riconducibili a situazioni di disagio per gli utenti nelle ore di maggior consumo della risorsa idrica, si necessita, oltre alle interruzioni settimanali già programmate e comunicate, di un intervento di interruzione della fornitura non differibile

Con l’avviso di conclusione delle indagini preliminari i finanzieri della Compagnia di Avezzano hanno portato a termine un articolato controllo antiriciclaggio e di polizia economico-finanziaria nei confronti di un’attività “compro oro” presente nel territorio marsicano.