Domenica 19 Settembre 2021

Cronaca

San Salvo, continua la guerra al commercio abusivo sollecitata dal Comune

23/07/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
San Salvo, continua la guerra al commercio abusivo sollecitata dal Comune

Ancora numerosi sequestri di merce di dubbia provenienza sul litorale da parte di Polizia locale e Guardia Costiera

L’avevamo annunciato all’inizio della stagione estiva che sarebbero ripresi regolarmente i controlli contro il commercio abusivo. Sono stati addirittura intensificati e i risultati ci danno ragione. Purtroppo il commercio abusivo è una piaga sociale a danno dei commercianti e non dobbiamo né possiamo abbassare il nostro livello di attenzione”. A dichiararlo il sindaco Tiziana Magnacca dopo i sequestri effettuati questa mattina sul litorale di San Salvo dalla Polizia Locale, coordinata dal maggiore Antonio Persich, e la Guardia Costiera di Vasto.

Sono stati recuperati centinaia di oggetti di dubbia provenienza privi del marchio di sicurezza Ce, quali occhiali, cappelli, abiti, costumi da bagno, gonfiabili, palloni e merce varia oltre al sequestro di cinque carretti. Gli ambulanti abusivi alla vista degli agenti si sono dati alla fuga.

“Non mi stancherò di ribadire come l’abusivismo commerciale – commenta il sindaco Magnacca – procurano danni significativi ai commercianti che pagano in maniera regolare le tasse oltre ad essere un pericolo per la salute degli acquirenti in considerazione della dubbia provenienza dei prodotti e delle insufficienti informazioni sui materiali utilizzati nella produzione”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Lo annuncia la Asl che si unisce al cordoglio e si fa portavoce dei colleghi della neonatologia di Chieti e dei tanti piccoli pazienti che la dottoressa ha curato, che vogliono ringraziarla per la sue grandi doti professionali e per il suo cuore grande.

L'avvocato 48enne di Pescara era scomparso sulla Maiella oltre due anni fa.

Cerimonia a Pescara alla quale hanno partecipato i familiari, la signora Giuseppina e il figlio Alberico, le autorità civili, militari e religiose.

70 pazienti (-3 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 7 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva