Lunedì 04 Marzo 2024

Cronaca

Rocca San Giovanni, furti estivi sulle auto alla spiaggia di Vallevò, identificato dai Carabinieri uno degli autori

02/12/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Rocca San Giovanni, furti estivi sulle auto alla spiaggia di Vallevò, identificato dai Carabinieri uno degli autori

Le indagini continuano per individuare il complice

Ê stato individuato dai carabinieri della stazione di Fossacesia, dopo mesi di indagini, uno degl autori di un furto all'interno di una vettura in sosta in località Vallevò di Rocca San Giovanni, messo a segno la scorsa estate. I militari hanno denunciato in stato di libertà alla procura della Repubblica di Lanciano per concorso in furto A.S., 20enne di origini bosniache già gravato da numerosi precedenti per reati contro il patrimonio.

Ad agosto scorso A.S., insieme ad un complice che è ancora in corso di identificazione, aveva preso di mira una Tesla model Y di un giovane di Lanciano che aveva lasciato in sosta nei pressi della spiaggia di Vallevò. Dopo aver infranto un finestrino, i due hanno portato via dall’abitacolo diversi beni per un valore di circa mille euro e si sono allontanati rapidamente perché alcuni bagnanti di passaggio hanno assistito al furto ed hanno quindi chiamato i carabinieri che sono giunti sul posto dopo qualche minuto.

Determinante è stata la loro collaborazione perché hanno fornito una descrizione dei due ladri, la targa ed il modello dell’auto, risultata intestata ad una terza persona residente in provincia di Foggia, ma nonostante ciò grazie alle indagini incrociate sugli utilizzatori del veicolo e dei sistemi di videosorveglianza A.S. è stato identificato, denunciato in stato di libertà e proposto alla Questura di Chieti per l’emissione del foglio di via obbligatorio da Rocca San Giovanni con il divieto di farvi ritorno per 3 anni. Le indagini proseguono per identificare il complice.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La squadra Mobile della Questura di Teramo ha eseguito otto misure cautelari in carcere e perquisizioni in diverse località, comprese le case circondariali di Teramo, Viterbo, Pescara e Roma Rebibbia. I reati contestati sono spaccio di sostanze stupefacenti e accesso indebito a dispositivi di comunicazione da parte di detenuti.

"Ditemi cosa devo fare". Sono le parole pronunciate ai poliziotti, subito prima di aprire la porta e lasciarli entrare in casa, dal 23enne di Pescara che per 44 ore è rimasto sul parapetto del suo balcone, al quinto piano di un palazzo del centro della città, minacciando il suicidio.

La Sasi comunica che a seguito di segnalazione di controlli interni riconducibili a situazioni di disagio per gli utenti nelle ore di maggior consumo della risorsa idrica, si necessita, oltre alle interruzioni settimanali già programmate e comunicate, di un intervento di interruzione della fornitura non differibile

Con l’avviso di conclusione delle indagini preliminari i finanzieri della Compagnia di Avezzano hanno portato a termine un articolato controllo antiriciclaggio e di polizia economico-finanziaria nei confronti di un’attività “compro oro” presente nel territorio marsicano.