Giovedì 06 Ottobre 2022

Cronaca

Pianella, nonostante il divieto di avvicinamento continua a vessare i genitori, arrestato dai carabinieri

20/03/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Pianella, nonostante il divieto di avvicinamento continua a vessare i genitori, arrestato dai carabinieri

L'uomo il 24 febbraio scorso aveva minacciato e scaraventato in terra la mamma per poi asportare il registratore di cassa del loro esercizio commerciale

I Carabinieri della Stazione di Pianella hanno rintracciato e tratto in arresto, in ottemperanza all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Pescara, un 36enne del piccolo centro del pescarese, reo di aver continuamente vessato i propri genitori nonostante già sottoposto alla misura cautelare del divieto di dimora in Pianella e di avvicinamento alle vittime.

Il provvedimento restrittivo odierno scaturisce da un primo arresto, eseguito dagli stessi Militari dell'Armala sera del 24 febbraio scorso, quando l’uomo, facendo accesso all’interno dell’esercizio commerciale di famiglia, dopo aver minacciato la madre ed averla scaraventata a terra, ha tentato di asportare il registratore di cassa contenente l’incasso della giornata. Dopo la convalida dell’arresto, l’indagato è stato sottoposto al divieto di dimora in Pianella e di avvicinamento ai genitori ma, non curante del provvedimento, ha continuato a presentarsi sotto casa dei propri genitori.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Controlli massicci nei cantieri del territorio per verificare il rispetto delle regole volte ad scongiurare incidenti e morti bianche

Il Comando Provinciale di Chieti, con più operazioni, ha sequestrato circa 31.000 articoli di cancelleria, abbigliamento e vario genere, in violazione dell’art. 474 del Codice Penale (introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi) e del D.Lgs. 206/2005 (Codice del Consumo).

Una donna di 37 anni a bordo di una Twingo è rimasta ferita, sembra in maniera non grave, dopo che la sua auto, in seguito ad un tamponamento si è ribaltata.

I militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale hanno accertato, nel comune di Torrevecchia Teatina, l’illecita gestione di rifiuti costituiti da scarti di lavorazioni edili, utilizzati impropriamente per la realizzazione di un fondo stradale e di una rampa di accesso ad un impianto sportivo.