Domenica 21 Aprile 2024

Cronaca

Pescara, tenta una rapina in gioielleria e in un altro negozio, la polizia arresta un 35enne

22/01/2024 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara, tenta una rapina in gioielleria e in un altro negozio, la polizia arresta un 35enne

Momenti concitati all'interno della gioielleria dove il balordo è stato bloccato dalla dipendente che gli ha impedito di portare via il bottino ma che è stata strattonata

Un 35enne residente a Montesilvano è stato arrestato a Pescara, nella giornata di ieri, 21 gennaio, dagli agenti della Volante. Il giovane, alle 10 circa, è entrato in una gioielleria del centro e ha riferito alla commessa di essere interessato all’acquisto di un bracciale.

Il 35enne, subito dopo, approfittando di un momento di distrazione della dipendente, indotto dalle richieste di informazioni avanzate dal presunto cliente, ha tentato di asportare un astuccio contenente 10 bracciali in acciaio del valore di circa 300 euro. La dipendente, accortasi del gesto, ha cercato di bloccare il 35enne che tentava di allontanarsi. L’uomo, intenzionato a guadagnare la fuga, all’ingresso del negozio, si scagliava contro la giovane, strattonandola e riuscendo a farle mollare la presa. Il giovane è riuscito quindi a darsi alla fuga, perdendo però il bottino che è stato recuperato. Un passante, notata la scena, ha rincorso il fuggitivo che però è riuscito a dileguarsi, a bordo della propria bicicletta, tra le affollate vie del centro.

La Sala Operativa della Questura, acquisita la notizia dei fatti, ha diramato la nota e la descrizione dell’uomo, sono state inoltre visionate le immagini registrate dal sistema di videosorveglianza della città, che hanno confermato quanto avvenuto nella gioielleria e permettevano di acquisire l’immagine dell’uomo e la via di fuga. Poco dopo, il 35enne ha tentato di forzare la saracinesca di un’attività commerciale della periferia, all’interno della quale era presente il titolare che, compreso quanto stava accadendo, ha contattato immediatamente il 113.

L’uomo, resosi contro che qualcuno era presente all’interno dell’esercizio commerciale, è nuovamente fuggito, fuga che veniva però interrotta, dopo circa 100 metri, dalle volanti, impegnate nei controlli nella zona. Il 35enne è stato quindi condotto in Questura, dove sono stati svolti ulteriori accertamenti che hanno permesso di riscontrare che la persona fermata era anche l’artefice dei fatti avvenuti presso la gioielleria. L’uomo, sottoposto ad accertamenti dattiloscopici, è risultato altresì sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Il 35enne, è stato quindi sottoposto alla misura precautelare dell’arresto e trattenuto nelle camere di sicurezza della Questura, in attesa dell’udienza di convalida che è stata celebrata questa mattina.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Polizia di Stato Rapine

Potrebbero interessarti

La Corte d'Assise d'Appello dell'Aquila ha confermato la sentenza di ergastolo per Alessandro Chiarelli, un 31enne di Popoli (Pescara), accusato di aver ucciso con 17 coltellate il suo amico e vicino di casa, Fulvio Declerch, 54 anni, e di aver gettato il suo cadavere nel fiume Pescara.

Nella mattinata odierna il sindaco Diego Ferrara ha firmato una nuova ordinanza di interdizione e a tutela dell’incolumità pubblica, a causa del dissesto idrogeologico. L’atto riguarda il Condominio Bella Dormiente situato in via don Giovanni Minzoni.

Oggi, in Corte d'Assise a Lanciano, Francesco Rotunno, 65 anni, ha testimoniato riguardo al tragico evento che ha portato alla morte della madre, Cesira Bambina Damiani, 88 anni, avvenuto il 12 febbraio 2023 nella loro casa a Casoli (Chieti). Rotunno è accusato di aver strangolato la madre.

Fim, Fiom e Fismic esprimono un giudizio negativo su quanto emerso nel confronto di oggi al ministero a Roma