Sabato 22 Giugno 2024

Cronaca

Pescara, non vogliono pagare corsa e aggrediscono tassista, arrestati

09/05/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara, non vogliono pagare corsa e aggrediscono tassista, arrestati

Avevano preteso di essere accompagnati gratis in taxi nel quartiere Rancitelli di Pescara, il tassista si è rifiutato e loro lo hanno aggredito a calci e pugni.

E' accaduto nella notte davanti alla stazione ferroviaria del capoluogo adriatico dove i protagonisti dell'aggressione, due uomini di 49 e 36 anni, sono stati poi arrestati per tentata estorsione e lesioni in concorso tra loro. Durante il servizio di controllo del territorio, alle 3:30 gli agenti sono intervenuti nei parcheggi antistanti la stazione ferroviaria dopo una segnalazione. Giunti sul posto, hanno proceduto al controllo di due persone che stavano tentando di allontanarsi a piedi. Poco distante, hanno notato un uomo col volto sanguinante che chiedeva aiuto indicando un taxi, a pochi metri di distanza.

Dalle informazioni assunte, gli agenti hanno appreso che i due uomini si sarebbero intrufolati all'interno del taxi nei pressi della stazione, ordinando ripetutamente al conducente di accompagnarli in zona Rancitelli, specificando che non avrebbero pagato la corsa, come già successo in passato, in quanto 'clienti abituali'. Al rifiuto del tassista, il 36enne lo avrebbe colpito violentemente al capo con alcuni pugni, mentre il 49enne lo tratteneva dalle spalle. L'aggressione è stata notata da un passante che ha contattato il 113 fornendo una dettagliata descrizione dei due uomini prima di soccorrere il tassista.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Due giovani hanno subito un grave incidente mentre erano a bordo di un quad. Dopo aver perso il controllo del mezzo, sono usciti fuori strada, riportando gravi ferite.

Il sindaco Domenico Giangiordano "Ringrazio tutti, quando accadono queste cose si vede lo spirito di comunità"

Nel fine settimana appena trascorso, la Polizia di Stato di L’Aquila ha intensificato i controlli stradali per contrastare l’eccessiva velocità e i comportamenti scorretti, specialmente da parte di numerosi motociclisti che, durante il periodo estivo, preferiscono le strade di montagna della provincia.