Venerdì 21 Febbraio 2020

Cronaca

Pescara, caso intossicazione bimbi: sequestrati tutti i centri cottura a servizio delle mense

07/06/2018 - Redazione AbruzzoinVideo

La Procura di Pescara ha posto sotto sequestro i centri cottura che servono le mense delle scuole cittadine, nell'ambito dell'inchiesta sul caso dei circa 180 bimbi di diverse scuole elementari cittadine colpiti da venerdi' scorso da tossinfezione alimentare. Gli indagati iscritti nel fascicolo aperto dalla pm, Anna Benigni, sono quattro, tra cui Chiara Nasi, presidente di CirFood, che gestisce il servizio di refezione scolastica in associazione temporanea di imprese con BioRistoro Italia. I reati ipotizzati sono adulterazione e contraffazione di sostanze alimentari, commercio di sostanze alimentari nocive, di natura colposa, e lesioni colpose. Nello specifico, il decreto di sequestro riguarda i "centri cottura siti in Pescara rispettivamente in via Fonte Romana, via Lago di Borgiano, via Milano, nonche', a campione, i contenitori per acqua potabile presso i locali di refezione scolastica dei plessi relativi agli istituti comprensivi di Pescara 1, 2, 4, 5 e 8".

Stop a iscrizioni mense 2018-2019

Il Comune di Pescara, con delibera di giunta licenziata oggi, ha sospeso le iscrizioni al servizio di refezione scolastica per l'anno scolastico 2018-2019, il cui avviso era stato pubblicato lo scorso 31 maggio. La decisione arriva dopo l'ordinanza di sospensione delle mense scolastiche, che per ora non riapriranno, in seguito alla vicenda dei 180 bambini iscritti in diverse scuole della città colpiti da tossinfezione alimentare. Il sindaco, Marco Alessandrini, e l'assessore all'Istruzione, Giacomo Cuzzi, garantiscono comunque che per il prossimo anno scolastico il servizio di refezione verrà erogato.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Nel primo pomeriggio del 17 febbraio, personale del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia, unitamente alla Polizia rumena, ha arrestato nella città di Satu Mare (Romania), il catturando TIBERIO Gianluca, classe 1983, originario di San Salvo resosi irreperibile dal 2016 dal territorio nazionale.

Trovati in una Villetta abbandonata in Strada Vecchia Colle San Donato, avevano 270 gr marijuana.

Si è conclusa la prima fase della raccolta firme sulla “Viabilità e sicurezza nella strada San Vito-Lanciano”. L’Associazione “Paglieronese” è riuscita a raccogliere 611 firme in soli quattro giorni. Alla raccolta firme hanno contribuito diciotto tra volontari ed aziende presenti lungo il tratto di strada provinciale che dal bivio di Treglio arriva all’ingresso del casello dell’autostrada A14.

Gli uomini del Compartimento Polizia Postale di Pescara diretto dal Vice Questore Elisabetta Narciso, a seguito di un articolato servizio di osservazione sono riusciti ad interrompere l’attività criminosa posta in essere da un napoletano, in “missione” in questo centro il quale si fingeva il destinatario di una carta di credito sostitutiva da recapitare in luogo della precedente bloccata