Venerdì 19 Luglio 2024

Cronaca

Orsogna, i carabinieri arrestano padre e figlio per spaccio di droga

09/03/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Orsogna, i carabinieri arrestano padre e figlio per spaccio di droga

Gli arresti sono scattati dopo il secondo blitz dei militari del Norm della compagnia di Ortona nella loro abitazione dove sono state trovate altre quantità di hashish e marijuana di ottima qualità

I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Ortona, in collaborazione con la stazione di Orsogna ed un'unità cinofila antidroga del nucleo di Chieti, hanno arrestato in esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Chieti, padre e figlio di Orsogna per concorso in detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

A fine febbraio scorso il padre era stato arrestato ad Orsogna per evasione dalla sua casa, dove stava scontando una condanna definitiva a 2 anni e 4 mesi per spaccio di stupefacenti. L'uomo aveva cercato senza riuscirci di chiamare il figlio che era casa e questo aveva insospettito i carabinieri che, ben conoscendo i trascorsi per spaccio di entrambi, avevano deciso di eseguire una perquisizione dell'abitazione dei due, convinti che il tentativo del padre di chiamare il figlio fosse diretto a fare sparire magari droga detenuta illecitamente. Infatti i carabinieri avevano trovato a casa un etto di marijuana, un bilancino di precisione e le classiche buste per confezionare le singole dosi. Entrambi erano stati denunciati in stato di libertà alla procura della Repubblica di Chieti per concorso in detenzione di stupefacenti.

I carabinieri hanno continuato le indagini ed hanno accertato che la marijuana era di ottima qualità e che la detenzione era finalizzata allo spaccio. La Procura della Repubblica di Chieti ha quindi chiesto ed ottenuto dal GIP del locale Tribunale l'applicazione della misura cautelare della custodia in carcere, che è stata eseguita questa mattina insieme ad un'ulteriore perquisizione ma questa volta coadiuvata dal nucleo cinofili di Chieti con il cane antidroga Bagheera.

Anche questa volta la perquisizione ha dato esiti fruttuosi, infatti  il fiuto del cane poliziotto Bagheera ha permesso di scovare un etto di marijuana e 40 grammi di hashish oltre a 700 euro contanti che sono ritenuti provento dell'illecita attività di spaccio dei due. Ora le ulteriori indagini dovranno ricostruire la lista dei clienti che si rifornivano di droghe "leggere" da entrambi.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Anche nell’estate 2024 la Polizia di Stato accompagnerà il viaggio di quanti approfitteranno della bella stagione per visitare le principali località turistiche italiane.

Il tribunale di Pescara ha condannato a dieci anni e quattro mesi di reclusione Nico Fasciani, 25 anni, di Civitaquana (Pescara) al termine del processo con rito abbreviato per il duplice tentato omicidio nei confronti di uno zio, Giancarlo Fasciani (57), e della compagna di quest'ultimo, Paola De Palma (30) feriti gravemente, a colpi di pistola, il 17 maggio 2023.

Nuova udienza questa mattina in Corte d'Assise a Chieti, l'ultima prima della pausa estiva, per il processo per l'agguato sulla Strada Parco a Pescara del primo agosto del 2022 in cui venne ucciso l'architetto Walter Albi e rimase gravemente ferito l'ex calciatore Luca Cavallito.

Una lettera per documentare, anche con grafici e dati precisi, la condizione attuale in merito alla disponibilità della risorsa. E’ una vera e propria emergenza idrica per 49 comuni della provincia di Chieti alle prese con una programmazione di interruzioni della fornitura che non si verificava da anni.