Venerdì 07 Maggio 2021

Cronaca

ORAFA MOLISANA MUORE DURANTE UN SAFARI NELLO TSAVO EST

18/11/2014 - Redazione AbruzzoinVideo

È un'orafa vastese la turista italiana morta in un incidente stradale in Kenya, mentre stava facendo un safari: si chiamava Giulia Grifone, 46 anni, originaria di Montenero di Bisaccia (Campobasso), ma residente a Vasto da anni. La donna gestiva 'L'arte orafà in via Canaccio, a pochi passi dalla centrale Piazza Rossetti. Lo scorso 7 novembre aveva festeggiato il suo compleanno con gli amici, annunciando che sarebbe partita di lì a pochi giorni in vacanza con il suo compagno Davide Giuseppe Ianigro. È stato lo stesso Ianigro a chiamare in Italia subito dopo la tragedia, avvertendo amici e famigliari. E' successo ieri mattina dentro il Parco Nazionale che dista circa 100 km da Malindi. La donna viaggiava su un fuoristrada di una rinomata compagnia di safari locale che collabora con un villaggio turistico di Watamu, insieme al marito e ad altri quattro connazionali. Per evitare un'antilope kongoni che aveva tagliato loro la strada, l'autista del Land Cruiser ha frenato di colpo ma la strada sterrata, resa fangosa dalla pioggia, si è trasformata in un insidia benchè la velocità del mezzo non fosse affatto alta. Così l'automobile si è capottata, non riportando peraltro danni importanti. Purtroppo la donna in quel momento era in piedi sul mezzo, e la sua testa sporgeva dal tettuccio apribile del mezzo. Così nel ribaltarsi ha battuto violentemente la testa ed è rimasta uccisa sul colpo. Illesi gli altri occupanti

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Con le nuove Ordinanze, concordate venerdì scorso con i Governatori e i Sindaci e firmate oggi dal Commissario Straordinario, Giovanni Legnini, si apre una nuova fase.

Il piano di “ricostruzione sociale”, con interventi volti a bambini, adolescenti e genitori, vuole essere una risposta alle nuove necessità emerse nel corso della pandemia

L'assessore alla salute della regione Abruzzo sottolinea " Episodio da censurare con fermezza" ed annuncia provvedimenti disciplinari.

Nicola Manzi, Michele Paliani, chiedono il rispetto degli impegni assunti dai i vertici dell'azienda che a Febbraio avevano annunciato un piano di investimenti di oltre 9 milioni di euro.