Lunedì 04 Marzo 2024

Cronaca

Mozzagrogna, rubano un ciclomotore e danneggiano un’auto, tre persone denunciate dai carabinieri

30/11/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Mozzagrogna, rubano un ciclomotore e danneggiano un’auto, tre persone denunciate dai carabinieri

Nei pressi dell'abitazione di uno dei tre recuperato il mezzo rubato grazie alle Indagini e alle Immagini di Videosorveglianza

I carabinieri della stazione di Fossacesia, in collaborazione con gli agenti della Polizia Municipale di Mozzagrogna, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Lanciano ed a quella per i minorenni di L’Aquila per concorso in furto di ciclomotore e danneggiamento di autovettura i fratelli D.A. e D.I. ed il loro amico T.E..

I fatti risalgono ad alcune notti fa quando nel centro urbano di Mozzagrogna era stato rubato un ciclomotore di proprietà di un  adolescente del posto mentre la Fiat Punto del padre era stata danneggiata pesantemente: gli allora ignoti autori avevano ne rigato la carrozzeria, tagliato un paio degli pneumatici, infranto un vetro e danneggiato gli interni.

Il proprietario ha sporto la mattina stessa una denuncia contro ignoti ai carabinieri della stazione di Fossacesia che hanno avviato subito le indagini. Grazie alla sinergica collaborazione con gli agenti della Polizia Municipale di Mozzagrogna che hanno fornito le immagini registrate dal sistema di videosorveglianza comunale ed alla preziosa collaborazione di diversi residenti, i tre adolescenti sono stati identificati quali presunti autori sia del danneggiamento dell’auto che del furto del ciclomotore. Nei giorni scorsi i militari dell'Arma sono andati a perquisire le loro abitazioni in esecuzione dei decreti di perquisizione emessi dalla Procura della Repubblica di Lanciano e per i Minorenni di L’Aquila. In una pertinenza dell’abitazione di uno dei tre, in località Villa Romagnoli, i carabinieri hanno ritrovato il ciclomotore e lo hanno restituito all’adolescente.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La squadra Mobile della Questura di Teramo ha eseguito otto misure cautelari in carcere e perquisizioni in diverse località, comprese le case circondariali di Teramo, Viterbo, Pescara e Roma Rebibbia. I reati contestati sono spaccio di sostanze stupefacenti e accesso indebito a dispositivi di comunicazione da parte di detenuti.

"Ditemi cosa devo fare". Sono le parole pronunciate ai poliziotti, subito prima di aprire la porta e lasciarli entrare in casa, dal 23enne di Pescara che per 44 ore è rimasto sul parapetto del suo balcone, al quinto piano di un palazzo del centro della città, minacciando il suicidio.

La Sasi comunica che a seguito di segnalazione di controlli interni riconducibili a situazioni di disagio per gli utenti nelle ore di maggior consumo della risorsa idrica, si necessita, oltre alle interruzioni settimanali già programmate e comunicate, di un intervento di interruzione della fornitura non differibile

Con l’avviso di conclusione delle indagini preliminari i finanzieri della Compagnia di Avezzano hanno portato a termine un articolato controllo antiriciclaggio e di polizia economico-finanziaria nei confronti di un’attività “compro oro” presente nel territorio marsicano.