Giovedì 05 Agosto 2021

Cronaca

Movida a Pescara, sanzionati due locali che non hanno rispettato l'orario di chiusura

19/07/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Movida a Pescara, sanzionati due locali che non hanno rispettato l'orario di chiusura

Dopo l'ordinanza che prevede la chiusura dei locali alle 2 in piazza Muzii e vie limitrofe le forze dell'ordine presidiano il centro cittadino per multare i trasgressori.

Anche nel fine settimana scorso, le forze di polizia hanno svolto specifici servizi per verificare il rispetto della normativa anti Covid-19 nei luoghi della movida pescarese. Il personale della Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Municipale e del Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo hanno presidiato le vie del centro e il lungomare cittadino che, nonostante l’ondata di maltempo, a partire dalle ore 22.00, si sono riempite di persone.

Dopo le ore 02.00, in una traversa di via Cesare Battisti, la Squadra Amministrativa della Questura ha trovato due esercizi ancora aperti e con servizi ai tavoli. In entrambe le circostanze, opportunamente certificate e repertate dal personale della Polizia scientifica con videoriprese e fotografiche, sono state contestate ai titolari. Infatti, l’ordinanza sindacale 92 del 6 luglio 2021, prevede che gli esercizi pubblici della zona di Piazza Muzii e vie limitrofe, il venerdì e sabato devono chiudere alle ore 02.00 e l’inosservanza di tale disposizione viene punita con una sanzione da 1.500 € a 10.000 € così come disposto dalla L. Regionale Abruzzo N°31..7.2018 n°23.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

Dosi di cocaina ed hashish rinvenute nello sportellino del tappo della benzina.

L'attività investigativa coordinata dalla procura, che ha visto la collaborazione dei militari del Gruppo Pescara, e delle Compagnie di Lanciano, Vasto e Teramo, ha portato alla denuncia di 8 persone con l'accusa di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope.

I primi cittadini di Fossacesia, Rocca san Giovanni, Santa Maria Imbaro, Mozzagrogna e Torino di Sangro annunciano danni ingenti e chiedono alla Regione lo stato di emergenza.

Crescono i ricoveri in area medica, +4 rispetto a ieri, e si registra un ricovero ) in terapia intensiva