Mercoledì 20 Novembre 2019

Cronaca

Mercato coperto Lanciano, sopralluogo del Sindaco Pupillo

14/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Mercato coperto Lanciano, sopralluogo del Sindaco Pupillo

Questa mattina il Sindaco Pupillo ha effettuato un sopralluogo al Mercato Coperto comunale di piazza Garibaldi, dove sono in corso i lavori di ripristino delle funzionalità minime della struttura. La conta dei danni è in corso, al momento quelli censiti e sicuri sono pari a circa 50.000 euro

Si tratta di interventi urgenti per impianto elettrico (ditta Andreoli incaricata) e interventi sulla struttura per riparare i vetri, le controsoffitatture che erano state rimosse e la chiusura temporanea dei box con dei pannelli di legno (ditta Giuliano D'Ovidio). I prossimi interventi riguarderanno la pulizia e la sanificazione degli ambienti, che si annuncia particolarmente complessa e impegnativa considerato lo stato dei luoghi. La cifra per riparare i danni purtroppo è destinata a crescere sensibilmente, ma per una quantificazione puntuale e attendibile bisognerà aspettare ancora qualche giorno per consentire all'ufficio tecnico di ultimare il dettaglio delle spese. L'obiettivo dell'amministrazione è quella di riaprire il prima possibile parzialmente il Mercato coperto nei giorni di mercoledì e sabato per permettere agli ortolani di tornare a vendere i propri prodotti dentro la struttura e mettere fine ai disservizi che purtroppo si sono creati negli ultimi mesi.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano Mario Pupillo

Potrebbero interessarti

Il sacerdote, nato a Capracotta il 7.10.1930, era stato ordinato nel giugno del 1956. Vicario parrocchiale allo Spirito Santo, prima e parroco di Cerratina, poi, arrivò a Pescara Colli il 1 ottobre del 1973 come parroco di San Giovanni Battista.

Un giovane campano di 22 anni è stato denunciato dopo aver svuotato il conto online di un uomo di Chieti, appropriandosi di circa 20mila euro: i carabinieri della stazione di Chieti Principale lo hanno segnalato alla Procura per i reati di truffa aggravata, falso materiale, sostituzione di persona e frode informatica.

L’allarme è stato dato dalla figlia intorno alle 19,00 di ieri sera, prima ai Carabinieri e poi, tramite la Prefettura, anche ai tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzese e ai Vigili del Fuoco.

I finanzieri, in seguito a meticolosi controlli, sono riusciti ad individuare uno studio commerciale che predisponeva falsi documenti, buste paga false e altri artifizi, per far ottenere l'assegno previdenziale alle persone ora denunciate