Domenica 03 Marzo 2024

Cronaca

Lanciano, continua l'indagine della Guardia di Finanza dopo la scoperta di un distributore di carburante abusivo a Villa Santa Maria

30/11/2023 - Redazione AbruzzoinVideo

Il Comandante della compagnia Siravo ha sottolineato l'impegno delle Fiamme Gialle nel contrastare chi viola le regole sulla libera concorrenza, danneggiando gli operatori onesti.

Continuano le indagini della Guardia di Finanza di Lanciano in seguito all’operazione avvenuta alcuni giorni fa che ha consentito l’individuazione, a Villa Santa Maria, in provincia di Chieti, di un distributore di carburante per autovetture abusivo. In particolare, i finanzieri della Compagnia di Lanciano, diretti dal comandante, il Cap. Domenico Siravo, al termine di indagini, svolte anche attraverso prolungati appostamenti, hanno rilevato, che il titolare dell’attività, un cinquantenne di Sant’Angelo del Pesco, in provincia di Isernia, era privo della prevista licenza per gli impianti di distribuzione di carburante.

Le fiamme Gialle frentane hanno rilevato la presenza di quattro cisterne di stoccaggio, dalla capacità complessiva di 70.000 litri, dotate di pistole erogatrici e contalitri digitali, che e 4.650 litri di sostanza petrolifera, che sono stati posti sotto sequestro. Il titolare dell’attività che applicava prezzi al ribasso e che non è stato in grado di certificare la provenienza del carburante, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Lanciano per i reati di sottrazione all'accertamento o al pagamento dell'accisa sui prodotti energetici e ricettazione. Le indagini proseguono dunque al fine di accertare l’origine del combustibile venduto illecitamente. Il Comandante della compagnia, Siravo ha sottolineato ai microfoni di Abruzzoinvideo, l'impegno delle Fiamme Gialle nel contrastare chi viola le regole sulla libera concorrenza, danneggiando gli operatori onesti, rimarcando l’azione capillare della Guardia di Finanza sull’intero e vasto territorio di competenza, senza trascurare i piccoli centri del Frentano.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano

Potrebbero interessarti

La squadra Mobile della Questura di Teramo ha eseguito otto misure cautelari in carcere e perquisizioni in diverse località, comprese le case circondariali di Teramo, Viterbo, Pescara e Roma Rebibbia. I reati contestati sono spaccio di sostanze stupefacenti e accesso indebito a dispositivi di comunicazione da parte di detenuti.

"Ditemi cosa devo fare". Sono le parole pronunciate ai poliziotti, subito prima di aprire la porta e lasciarli entrare in casa, dal 23enne di Pescara che per 44 ore è rimasto sul parapetto del suo balcone, al quinto piano di un palazzo del centro della città, minacciando il suicidio.

La Sasi comunica che a seguito di segnalazione di controlli interni riconducibili a situazioni di disagio per gli utenti nelle ore di maggior consumo della risorsa idrica, si necessita, oltre alle interruzioni settimanali già programmate e comunicate, di un intervento di interruzione della fornitura non differibile

Con l’avviso di conclusione delle indagini preliminari i finanzieri della Compagnia di Avezzano hanno portato a termine un articolato controllo antiriciclaggio e di polizia economico-finanziaria nei confronti di un’attività “compro oro” presente nel territorio marsicano.