Venerdì 17 Gennaio 2020

Cronaca

Lanciano, chiuso tratto di Corso Trento e Trieste dal 6 all'8 novembre per lavori di scavo

04/11/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Lanciano, chiuso tratto di Corso Trento e Trieste dal 6 all'8 novembre per lavori di scavo

Il tratto carrabile di Corso Trento e Trieste sarà chiuso al transito delle auto dalla mezzanotte di mercoledì 6 novembre alla mezzanotte di venerdì 8 novembre. Il divieto di circolazione veicolare di 48 ore è stato disposto con ordinanza per consentire i lavori di scavo che saranno eseguiti trasversalmente sul Corso all'altezza dei civici 11 e 13.

I lavori sono necessari per l'installazione di inclinometri e assestimetri, strumenti della Sisgeo per il monitoraggio continuo h24 dell'area interessata lo scorso agosto 2018 da cedimenti del sottosuolo. I lavori di scavo, un metro di profondità per un metro di larghezza per tutta la lunghezza del tratto che va da un marciapiede all'altro, saranno realizzati dal settore Lavori Pubblici. Gli strumenti saranno invece forniti e installati dalla Sisgeo, la stessa azienda di monitoraggio geotecnico e strutturale che ha fornito e installato i sensori sugli immobili nei pressi della zona interessata. “Gli strumenti che verranno installati comunicheranno ininterrottamente attraverso un software dedicato i risultati del monitoraggio dell'area, che andrà avanti per il tempo necessario ad avere dei dati tecnico-scientifici utili ad individuare le migliori soluzioni progettuali possibili: ci scusiamo per i disagi che potrebbero verificarsi per questi lavori, utili e fondamentali per la sicurezza di persone e cose”, sottolinea l'Assessore ai Lavori Pubblici Giacinto Verna. Per quanto riguarda la viabilità, nelle 48 ore di divieto di transito, il traffico da piazza Plebiscito verrà deviato in via Tesauri; quello da Salita delle Poste verso via Duca degli Abruzzi. Al termine dei lavori la viabilità riprenderà come da attuale regolamentazione.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Cresce il malcontento tra i poliziotti penitenziari di stanza al carcere di massima sicurezza di Sulmona per la mancata apertura del reparto deputato al ricovero dei detenuti.

Scivolato in prossimità della Capanna Sevìce, sul monte omonimo del gruppo Sirente Velino, un escursionista residente a Roma di 53 anni è stato soccorso nel pomeriggio di oggi dall’elicottero del 118 di stanza a L’Aquila.

La famiglia rom, che era stata sgomberata a novembre per occupazione abusiva dell'alloggio popolare, stava tentando di riappropriarsi dell'abitazione.

Il colpo messo a segno ai danni dell' Antica gioielleria l’11 dicembre aveva fruttato un bottino di oltre 100mila euro.