Domenica 21 Aprile 2024

Cronaca

La Polizia di Stato di L'Aquila intensifica i controlli sul territorio

15/01/2024 - Redazione AbruzzoinVideo
La Polizia di Stato di L'Aquila intensifica i controlli sul territorio

Lo scorso 11 gennaio 2024 la Polizia di Stato ha effettuato un servizio specifico di contrasto all’eccesso di velocità alla guida sulla S.S. 260 “Picente”, nel cuore del territorio provinciale del capoluogo abruzzese.

La Sezione di Polizia Stradale di L’Aquila, con l’ausilio dell’apparecchiatura speciale telelaser ha elevato 5 verbali per violazioni delle norme sulla velocità, mentre diversi sono stati i controlli, anche ai mezzi pesanti che transitavano lungo la S.S. 260 “Picente” Importante l’impegno anche sull’autostrada A24 con diversi controlli ai veicoli in transito in Barriera Teramo e 11 persone sottoposte al test tramite apparecchiatura alcolblow - al quale nessuno è risultato positivo - mentre sono state contestate ben 8 violazioni al Codice della Strada per eccesso di velocità.

In particolare, un automobilista è stato sorpreso mentre guidava a una velocità rilevata di 187 km/h, comportamento scellerato che, oltre alla salata multa ha comportato il contestuale ritiro della patente. Durante il servizio in autostrada è stato controllato cittadino straniero sprovvisto di documenti di identità.

Gli operatori, dunque, hanno immediatamente accompagnato quest’ultimo presso la Questura di Teramo ove è stato compiutamente identificato, fotosegnalato e posto a disposizione dell’Ufficio immigrazione.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

L'Aquila Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

La Corte d'Assise d'Appello dell'Aquila ha confermato la sentenza di ergastolo per Alessandro Chiarelli, un 31enne di Popoli (Pescara), accusato di aver ucciso con 17 coltellate il suo amico e vicino di casa, Fulvio Declerch, 54 anni, e di aver gettato il suo cadavere nel fiume Pescara.

Nella mattinata odierna il sindaco Diego Ferrara ha firmato una nuova ordinanza di interdizione e a tutela dell’incolumità pubblica, a causa del dissesto idrogeologico. L’atto riguarda il Condominio Bella Dormiente situato in via don Giovanni Minzoni.

Oggi, in Corte d'Assise a Lanciano, Francesco Rotunno, 65 anni, ha testimoniato riguardo al tragico evento che ha portato alla morte della madre, Cesira Bambina Damiani, 88 anni, avvenuto il 12 febbraio 2023 nella loro casa a Casoli (Chieti). Rotunno è accusato di aver strangolato la madre.

Fim, Fiom e Fismic esprimono un giudizio negativo su quanto emerso nel confronto di oggi al ministero a Roma