Lunedì 04 Marzo 2024

Cronaca

Castel di Sangro, presunti truffatori in trasferta, bloccati e arrestati dai carabinieri dopo un colpo ai danni di un’anziana

09/02/2024 - Redazione AbruzzoinVideo
Castel di Sangro, presunti truffatori in trasferta, bloccati e arrestati dai carabinieri dopo un colpo ai danni di un’anziana

Si tratta di due diciannovenni arrestati grazie alla sinergia tra i carabinieri della compagnia di Castel di Sangro e quella di Osimo

Bloccata la fuga di due giovani campani con tra le mani il bottino di una truffa ai danni di una 84enne della provincia di Ancona. I carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia li hanno arrestati ieri pomeriggio lungo la statale 17 mentre, a bordo di un SUV, viaggiavano verso la Campania, luogo di provenienza di entrambi. Nei loro confronti sono emersi gravi indizi di reato per la truffa che avrebbero messo a segno, qualche ora prima del controllo, a Camerano, un paesino della Riviera del Conero.

L'arresto dei due diciannovenni è stato possibile grazie alla sinergia tra i carabinieri della compagnia di Castel di Sangro e quella di Osimo (AN), quest’ultima attivata subito dopo la denuncia fatta dall’anziana, raggirata con la tecnica del “nipote coinvolto in un incidente stradale” in modo che consegnasse tutto l’oro costudito in casa.

Questa la refurtiva interamente recuperata, pari al valore di circa diecimila euro, ritrovata nella disponibilità dei due fermati che, dopo le contestazioni mosse loro per l'ipotizzato reato di truffa ai danni dell’anziana, sono stati arrestati e trasferiti all’interno delle carceri di Sulmona. Gli sviluppi delle operazioni di polizia giudiziaria sono stati riportati al pm della procura della Repubblica sulmonese, che avanzerà, al gip dello stesso tribunale, richiesta di convalida dell'arresto. Gli atti acquisiti potrebbero poi giungere sulla scrivania del gip del Tribunale di Ancona, sulla cui competenza ricade il luogo di commissione del reato

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Carabinieri L'Aquila

Potrebbero interessarti

La squadra Mobile della Questura di Teramo ha eseguito otto misure cautelari in carcere e perquisizioni in diverse località, comprese le case circondariali di Teramo, Viterbo, Pescara e Roma Rebibbia. I reati contestati sono spaccio di sostanze stupefacenti e accesso indebito a dispositivi di comunicazione da parte di detenuti.

"Ditemi cosa devo fare". Sono le parole pronunciate ai poliziotti, subito prima di aprire la porta e lasciarli entrare in casa, dal 23enne di Pescara che per 44 ore è rimasto sul parapetto del suo balcone, al quinto piano di un palazzo del centro della città, minacciando il suicidio.

La Sasi comunica che a seguito di segnalazione di controlli interni riconducibili a situazioni di disagio per gli utenti nelle ore di maggior consumo della risorsa idrica, si necessita, oltre alle interruzioni settimanali già programmate e comunicate, di un intervento di interruzione della fornitura non differibile

Con l’avviso di conclusione delle indagini preliminari i finanzieri della Compagnia di Avezzano hanno portato a termine un articolato controllo antiriciclaggio e di polizia economico-finanziaria nei confronti di un’attività “compro oro” presente nel territorio marsicano.