Venerdì 01 Luglio 2022

Cronaca

Fossacesia e San Vito Chietino, scoperti dai carabinieri due furbetti del reddito di cittadinanza

09/12/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Fossacesia e San Vito Chietino, scoperti dai carabinieri due furbetti del reddito di cittadinanza

Un uomo di Sant'Apollinare e un africano ai quali i militari hanno scoperto un casellario giudiziale non limpido.

Continuano le  indagini dei carabinieri delle stazioni che fanno capo alla compagnia dell'Arma di Ortona, così come avviene in tutto il territorio regionale, per individuare i falsi percettori del beneficio del reddito di cittadinanza, e si inseriscono tra le attività primarie in considerazione del trend in crescita delle denunce alle Procure competenti. Questa volta sono stati scoperti due furbetti del beneficio statale a Fossacesia e Sant'Apollinare una frazione di San Vito Chietino. Questa volta non si è trattato della dichiarazione infedele dell’esatto reddito ovvero indicatore ISEE, ma della limpidezza del proprio casellario giudiziale. 

"Gli approfondimenti investigativi permettono sempre più di accertare quanto sia importante l’apporto dei capillari presidi dell’Arma anche nelle più piccole comunità della provincia perché l’attenta conoscenza del tessuto socio-economico è il valore aggiunto per individuare celermente i furbetti. - spiega una nota dell'Arma dei carabinieri - Questo perché i riscontri svolti stanno disegnando una casistica sempre più precisa della tipologia delle false attestazioni con cui i richiedenti compilano le dichiarazioni sostitutive uniche per ottenere l’illecito profitto, che non si basano su tecnicismi circa la dichiarazione infedele dell’esatto reddito ovvero indicatore ISEE, ma di contro sull’effettiva limpidezza del proprio casellario giudiziale ovvero di residenza, che per gli stranieri, in particolare, deve essere di almeno 10 anni."

È così che i Carabinieri delle stazioni di Fossacesia e San Vito Chietino hanno scoperto un giovane proveniente dall’Africa subsahariana che ha dichiarato falsamente di essere residente in Italia da più di dieci anni, al 49enne di Sant’Apollinare con plurimi precedenti che ha ottenuto il beneficio omettendo di dichiarare che è gravato dalla pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici comminata a seguito di una condanna definitiva per traffico di stupefacenti. "La costante analisi sui beneficiari che i carabinieri delle stazioni eseguono periodicamente, ha permesso di individuare nel giro di pochi mesi dalla concessione del beneficio i due furbetti. E questo ha permesso all’ufficio provinciale dell’INPS di revocare pressoché in tempo reale dalla segnalazione il pagamento mensile del detto beneficio e di limitare il danno per le casse dell’Erario a circa 4 mila €."

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

E' stato infatti il sindaco Carlo Masci a tagliare il nastro presso il cantiere che è stato affidato dall'Ater all'impresa Rad Service di Perugia.

La Polizia di Stato e Airbnb tornano a diffondere i consigli anti-truffa per prenotare la casa vacanza.

Aveva deciso di arrampicarsi insieme ad un amico sul Corno Piccolo percorrendo slegati la cresta nord est

Vittoriano Di Florio, 51enne di Villascorciosa di Fossacesia, affetto da depressione, si è allontanato da casa attorno alle 10 di oggi senza farvi ritorno