Marted 22 Settembre 2020

Cronaca

Donna uccisa a coltellate a Nereto, arrestato il compagno

10/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Donna uccisa a coltellate a Nereto, arrestato il compagno

L’ha uccisa colpendola con tre coltellate perché dopo 16 anni insieme voleva lasciarlo.

Ancora un femminicidio ed ancora una giovane mamma viene strappata alla vita drammaticamente. Il delitto passionale è avvenuto ieri pomeriggio a Nereto in provincia di Teramo. Il romeno Cristian Daravoinea camionista di 36 anni, ha ucciso la sua compagna Mihaela Roua, anche lei romena, operaia di 32 anni. La loro bimba era a scuola e fortunatamente non ha assistito alla terribile scena che l’avrebbe segnata per tutta la vita.



Subito dopo l’omicidio l’uomo è fuggito ma è stato rintracciato nella notte dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Teramo nel parcheggio di un albergo di Tortoreto lido a bordo di una Mazda nera, ed arrestato. L’uomo era ferito, si sarebbe auto inferto dei tagli con il coltello utilizzato per uccidere la compagna, ed è stato necessario ricoverarlo all’ospedale di Giulianova. Il romeno è stato poi interrogato per tutta la notte dal pm Davide Rosati. Ancora una famiglia distrutta da un momento di rabbia legato al possesso, pochi minuti di follia pura che hanno spezzato la vita ad una bella e giovane donna e distrutto la serena crescita di una bimba rimasta senza genitori.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Nato a Roma cinquanta anni fa, laureato in Coordinamento delle attività di Protezione Civile e in Rischio ambientale, appartenente al ruolo speciale della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Mauro Casinghini è stato presentato questa mattina agli organi di stampa nella sua veste di direttore dell'Agenzia Regionale di Protezione Civile dal presidente della Regione, Marco Marsilio.

Nella notte fra il 19 e 20 Settembre dei vandali hanno danneggiato uno dei cartelli informativi del Progetto "Il Fratino e le dune della Riserva Borsacchio".

Dopo 5 giorni di ricerche stamane il triste ritrovamento e la fine di ogni speranza per i suoi cari.

Arrestata dalla Polizia di Stato M.S., 52 anni, pregiudicata e con precedenti anche per reati in materia di stupefacenti. Telecamere e cancelli a protezione della sua abitazione.