Venerdì 22 Novembre 2019

Cronaca

DENUNCIA DEL CO.S.P.: ENNESIMA AGGRESSIONE NEL CARCERE DI LANCIANO, GLI AGENTI OBBLIGATI A TURNI MASSACRANTI

01/09/2018 - Redazione AbruzzoinVideo
 DENUNCIA DEL CO.S.P.: ENNESIMA AGGRESSIONE NEL CARCERE DI LANCIANO, GLI AGENTI OBBLIGATI A TURNI MASSACRANTI

Il 30 agosto scorso un assistente capo della polizia penitenziaria è stato selvaggiamente aggredito da un detenuto di nazionalità italiana, peraltro non nuovo a episodi di intemperanza e di violenza nei confronti del personale addetto alla sicurezza. L’episodio è avvenuto nel carcere di Lanciano. La vittima ha dovuto far ricorso alle cure dei sanitari del nosocomio della cittadina abruzzese a seguito delle lesioni riportate durante la colluttazione. Il segretario nazionale del sindacato autonomo Co.s.p. Domenico Mastrulli, intervenendo sull’accaduto ha sottolineato “il preoccupante aumento di episodi di violenza in concomitanza con l’apertura del nuovo reparto detentivo e l’arrivo di nuovi reclusi il cui numero all’interno della casa circondariale sarebbe non più tollerabile rispetto all’organico esistente”. Il sindacato autonomo unitamente alle altre sigle sindacali aveva contestato l’apertura della nuova sezione detentiva ai vertici del PRAP di Lazio, Abruzzo e Molise. “Nel carcere di Lanciano – dichiara Mastrulli – all’appello mancano quasi un centinaio di agenti di polizia penitenziaria. Abbiamo chiesto più volte la dotazione di nuove unità al fine di garantire maggior sicurezza, ma nonostante le nostre sollecitazioni non è accaduto nulla. Il personale in servizio nel penitenziario di Lanciano vive in una totale sensazione di abbandono e di disinteresse da parte dell'autorità. Gli agenti affrontano turni massacranti obbligati a ricoprire più postazioni contemporaneamente”. L'auspicio sarebbe quello di rientrare nei compiti istituzionali previsti dall'ex art. 5 della Legge di Riforma n. 395/1990 piuttosto che eseguire volontà dirigenziali che non rispettano le mansioni previste dai nostri regolamenti. La segreteria nazionale del Co.s.p., insieme con i rappresentanti regionali e provinciali del sindacato nell'esprimere piena solidarietà al poliziotto ferito chiedono segnali di maggior concretezza dai vertici dell’amministrazione penitenziaria.
CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Hanno atteso l’arrivo dei soccorsi a pochi metri dalla vetta di Corno Grande, sul versante aquilano del Gran Sasso, i due alpinisti marchigiani, che dopo essere saliti per la via denominata Direttissima, sono stati sorpresi dal maltempo e hanno deciso, intorno alle 13,00, di lanciare l’allarme ai soccorritori alpini della Guardia di Finanza.

Il sacerdote, nato a Capracotta il 7.10.1930, era stato ordinato nel giugno del 1956. Vicario parrocchiale allo Spirito Santo, prima e parroco di Cerratina, poi, arrivò a Pescara Colli il 1 ottobre del 1973 come parroco di San Giovanni Battista.

Un giovane campano di 22 anni è stato denunciato dopo aver svuotato il conto online di un uomo di Chieti, appropriandosi di circa 20mila euro: i carabinieri della stazione di Chieti Principale lo hanno segnalato alla Procura per i reati di truffa aggravata, falso materiale, sostituzione di persona e frode informatica.

L’allarme è stato dato dalla figlia intorno alle 19,00 di ieri sera, prima ai Carabinieri e poi, tramite la Prefettura, anche ai tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzese e ai Vigili del Fuoco.